Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oca uccisa a bastonate, una ricompensa di 500 euro a chi dà informazioni per prendere il colpevole

Martedì 22 Febbraio 2022 di A.Nan.
Oca uccisa a bastonate, una ricompensa di 500 euro a chi dà informazioni per prendere il colpevole
1

PORTO TOLLE - Una ricompensa di 500 euro a chi darà informazioni utili a individuare chi ha ucciso Paperina. Lo hanno deciso i residenti di Boccasette ancora attoniti e arrabbiati per quanto successo a una delle due oche mascotte della frazione di Porto Tolle, che è stata uccisa a bastonate nella notte tra giovedì e venerdì scorso. Un gesto ignobile nei confronti di una delle due oche domestiche che da sei anni vivevano nei pressi dell'imbarcadero sul Po di Maistra, dove gli abitanti di Boccasette ogni giorno andavano a portar loro il cibo curandosi che stessero bene. I due animali nel corso di questi anni erano diventate un vero simbolo per chi vive o transita per turismo da quelle parti. «Gastone era rimasto solo e cercava Paperina piangendo disperatamente rileva Gabriella Gibin, presidente del Coordinamento Tutela diritti animali di Rovigo -. Così, stamattina (ieri per chi legge ndr) una gentile signora ha regalato una nuova compagna a Gastone. Speriamo possano andare d'accordo». Un atto di violenza ingiustificabile, che ha smosso le coscienze. «In questi giorni - spiega Gibin - abbiamo ricevuto tantissimi messaggi di solidarietà. I turisti che sono passati da questa zona hanno portato conforto e vicinanza ai residenti condannando il gesto vigliacco. Ora gli abitanti di Boccasette offrono una ricompensa. Chi avesse informazioni utili può contattare il 334- 2848835 o le Forze dell'Ordine locali». La presidente conclude: «Chi è in grado di compiere atrocità sugli animali è in grado di esprimere la stessa violenza contro i propri simili».

Ultimo aggiornamento: 11:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci