Domenica 19 Maggio 2019, 00:00

«Finale aperto per cambiare Porto Marghera»

La chimica è una strana creatura, «spacchi il sale e ne ottieni due elementi aggressivi, pericolosi. Ne unisci due violenti, selvaggi e ci ricavi l'acqua, la vita». A Porto Marghera la chimica era la vita, solida, potente e innovativa, ma nello stesso tempo rischiosa e infida, a volte letale. Gianfranco Bettin torna a quel mondo «magico e spaventoso» che conosce sin da bambino, luogo cruciale per un territorio e per generazioni di persone, e lo osserva dall'alto di una torre dove si è arrampicato un uomo in rivolta. Ed è proprio da...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Finale aperto per cambiare Porto Marghera»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER