Casa Serena all'Ater: Gaffeo frena il piano

Venerdì 19 Luglio 2019
RESIDENZE PER ANZIANI
ROVIGO «I lavoratori dell'Iras stiano tranquilli». A dirlo è il sindaco Edoardo Gaffeo, dissipando le paure di chi è rimasto colpito dagli avvertimenti lanciati per tutta la campagna elettorale dal centrodestra, secondo i quali il fallimento era dietro l'angolo.
VERTICE IN COMUNE
Il primo cittadino, insieme all'assessore ai Servizi Sociali Mirella Zambello, ieri mattina si è incontrato con il commissario dell'ente di gestione delle case di riposo rodigine Rodolfo Fasiol, nominato dalla Regione per gestire l'enorme buco finanziario (oltre quattro milioni di euro di debiti) creatosi negli scorsi anni. A febbraio, nel bel mezzo della crisi politica dell'ex sindaco Bergamin, poi decaduto dalla carica alla fine di quello stesso mese, è emerso un grave problema economico relativo alla casa di riposo per anziani. Il suo indebitamento, nel 2017, infatti, aveva sfondato quota 4,225 milioni di euro e per porre un freno a questa emorragia di denaro si stava profilando un'intesa con Ater per la cessione dello stabile di Casa Serena, in via Bramante, in Commenda, per la realizzazione di case popolari.
RILANCIO DELL'ENTE
L'incontro tra Gaffeo e Fasiol è servito a discutere del piano industriale per il rilancio dell'ente e, soprattutto, proprio di questa proposta di alienazione. In pratica, l'operazione farebbe entrare nelle casse del Comune due milioni di euro e porterebbe alla cessione a Iras di due piani dell'albergo per anziani, per realizzare e mantenere una cinquantina di alloggi per anziani autosufficienti, oltre ad altre tipologie di utenti, come studenti universitari o giovani coppie, lasciando così a Palazzo Nodari solo una porzione di quell'edificio realizzato negli anni 70. Il sindaco su questo progetto vuole andarci cauto. L'intenzione dell'Amministrazione, dopo questo incontro, è quella di studiare il piano e valutare il da farsi. Contrariamente a quanto aveva proposto la rivale di Gaffeo al ballottaggio del 9 giugno, l'esponente del centrodestra Monica Gambardella, che proponeva di avviare nel più breve tempo possibile questa operazione con l'Ater, presieduto dal leghista Guglielmo Ferrarese, Gaffeo ritiene che non ci sia alcuna necessità di avvallare questo progetto senza prima avere studiato eventuali soluzioni alternative. A chi diceva che però la situazione fosse tragica, sostenendo che già a gennaio l'allora sindaco Bergamin dovesse approvare l'accordo, il sindaco tiene a replicare che non c'è alcun rischio per l'Iras e che è suo dovere trovare la soluzione migliore per la salvaguardia dei suoi anziani ospiti.
La cessione ad Ater di parte di Casa Serena era mal vista anche da alcuni componenti di quel centrodestra, tant'è che Paolo Pozzato (ex candidato consigliere con Obiettivo Rovigo di Paolo Avezzù) aveva fortemente criticato la sua stessa aspirante sindaco: «Basta guardare la planimetria di quell'albergo per anziani per capire che non è logico venderne una parte: avevo già proposto nel dicembre 2017 a Bergamin di rilanciarlo».
A.Luc.
© RIPRODUZIONE RISERVATA