Sabato 21 Settembre 2019, 00:00

«È mio figlio vittima di quei bulli»

LA STORIAPADOVA Ieri mattina a scuola non ci voleva proprio andare. E, in lacrime, ha pregato la mamma di lasciarlo a casa. Per lui affrontare un'altra mattinata in una classe dove si sente preso di mira non era facile. Alla fine lei lo ha convinto. É arrivato in ritardo, però, ma sul libretto personale, la giustificazione, peraltro poi controfirmata dalla preside, non lascia dubbi su quale fosse lo stato d'animo del ragazzino: «A.- ha scritto S.P., la genitrice - ha paura di entrare a scuola». Tre parole che però delineano efficacemente...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«È mio figlio vittima di quei bulli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER