Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Venezia, chiede il biglietto del treno a quattro ragazzi: colpito al volto con un pugno

Sabato 13 Agosto 2022 di r.vitt
Venezia, chiede il biglietto del treno a quattro ragazzi: colpito al volto con un pugno in faccia
2

VENEZIA - Ha chiesto i biglietti a quattro ragazzi, tra i 16 e i 19 anni, che erano appena saliti sul Frecciarossa in partenza dalla stazione di Santa Lucia per Milano. Il treno doveva partire alle 6.48, e al capotreno è sembrato strano che quei giovani fossero in giro a quell'ora, probabilmente di rientro da una nottata brava. O perlomeno questa era l'impressione che avevano dato. Insieme a un collega è salito sulla carrozza su cui si erano accomodati e ha chiesto loro i documenti di viaggio, invitandoli a scendere perchè non li avevano.

Chiede il biglietto del treno a quattro ragazzi: pugno in faccia

I quattro, una volta sul marciapiede, anzichè andarsene hanno iniziato una discussione accesa, con tanto di minacce e insulti, accerchiando i due dipendenti delle Ferrovie. Questione di attimi. Il capotreno è stato colpito da un pugno in pieno volto, con una ferita al labbro che ha richiesto otto punti di sutura e 15 giorni di prognosi. Appena si sono accorti della gravità del gesto, i ragazzi si sono dileguati, e al capotreno non è rimasta che la possibilità di presentare una denuncia contro ignoti.

Ma il fatto ha sollevato ancora una volta il problema della sicurezza del personale che lavora a bordo dei treni. Oltretutto il fatto è accaduto in una stazione come quella di Venezia, frequentata da più di 80 mila persone al giorno. L'episodio è stato preso ad esempio dalle segreterie dei sindacati dei trasporti per denunciare «una situazione insostenibile ed in rapido deterioramento tanto a bordo dei convogli quanto nelle stazioni». «Dobbiamo nuovamente constatare la fragilità e l'esposizione del personale mobile ad un esecrabile fenomeno che deve trovare ferma opposizione nell'individuazione di efficaci e non più procrastinabili soluzioni. Gli atti violenti nei confronti dei lavoratori non devono trovare legittimazione nell'assenza di risposte» hanno scritto le Segreterie del Veneto.

Ultimo aggiornamento: 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci