Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Si soffoca con un boccone della brioche: Renzo muore dopo 5 giorni di agonia

Giovedì 30 Giugno 2022 di Diego Degan
Renzo Marchesan

CHIOGGIA - Morto dopo 5 giorni in terapia intensiva a causa di un boccone di brioche finito per traverso. È quasi incredibile la disgrazia accaduta a Renzo Marchesan, 65enne chioggiotto ben noto ai concittadini per i suoi molti ruoli nel mondo del volontariato. Era stato male sabato scorso, 24 giugno, in Corso del Popolo, mentre si trovava al bar e stava inghiottendo un boccone di brioche. I soccorritori, sia le persone presenti in quel momento che i sanitari del 118, arrivati dopo pochi minuti, avevano cercato di liberargli le vie respiratorie e, alla fine, ci erano riusciti ma, nel frattempo, il battito cardiaco si era interrotto e il cervello era rimasto senza ossigeno per un certo periodo. Nonostante ciò il personale sanitario dell’ospedale di Chioggia, dove era stato ricoverato subito dopo, ha fatto di tutto per salvarlo.

SPORT E CANZONI
Renzo Marchesan da giovane era stato giocatore di basket, podista e “cantante”: lo ricordano così gli amici, memori delle sue interpretazioni in occasione dei vari ritrovi, a Chioggia o nelle gite in montagna. Di lavoro aveva fatto l’operaio a Porto Marghera ma, da quando era andato in pensione, si era dedicato al volontariato: nella Banda musicale cittadina e, soprattutto, nel gruppo dell’Orologio della torre di Sant’Andrea.  

Ultimo aggiornamento: 22:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci