Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio ad Andrea Capuzzo: una delle anime dei "fioi" in piazza Ferretto davanti a Fontanella

Mercoledì 17 Agosto 2022
Lutto, morto Andrea Capuzzo

MESTRE - «Un altro pezzetto della storia di Mestre che se ne va». Così ieri attraverso i social media hanno ricordato Andrea Capuzzo gli amici più stretti e i numerosi che lo avevano conosciuto in città. Pareva che da tempo non stesse bene, gestiva il negozio di Autoricambi Anr in via Paruta, ed era stato una delle anime delle compagnie dei fioi, che dalla seconda metà degli anni Settanta si ritrovavano in piazza Ferretto e avevano fatto parte della generazione di chi frequentava il bar Fontanella, da Ugo, o il bar Italia negli anni del boom economico.

Andrea Capuzzo - che aveva 72 anni - era conosciuto a Mestre soprattutto perché quasi tutti i giovani di allora avevano transitato almeno una volta in via Grazioli sul Terraglio, dove c'era la villa familiare. «Ricordo che la sua casa era diventata un momento importante di ritrovo - afferma Andrea Sperandio, presidente di Mestre Mia - un punto di riferimento per gli amici, dove si passavano tante ore a giocare. C'era una taverna, il tavolo da ping pong, sempre musica e si facevano spesso feste, perché i Capuzzo erano numerosi tra fratelli e sorelle, e ognuno invitava i propri conoscenti. Andrea Capuzzo era un personaggio di Mestre, con il quale tutti hanno trascorso la socialità della loro giovinezza». (f.spo.)
 

Ultimo aggiornamento: 17:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci