A Venezia è arrivato l'albero di Natale e si potrà pattinare a San Polo

Domenica 28 Novembre 2021
A Venezia è arrivato l'albero di Natale e si potrà pattinare a San Polo

VENEZIA - Conto alla rovescia per le iniziative del Natale in città. Fervono le iniziative per portare un po' di allegria in un anno difficile, anche se non come il 2020, attraverso le luminarie e le iniziative volte a far dimenticare - per quanto possibile - le privazioni e le limitazioni subite ormai da quasi due anni.


L'ALBERO

È arrivato l'albero di Natale destinato alla piazza. Sarà stavolta un abete vero, alto 13 metri, posizionato in mezzo alla Piazzetta tra palazzo Ducale e la Marciana. Dopo le disgressioni degli anni scorsi, che a vario titolo sono state più volte criticate, si torna alle origini anche se l'albero vero solitamente veniva posizionato ai Leoncini (oggi, peraltro inagibile per il cantiere della Basilica). C'erano stati gli alberi moderni che erano stati ritenuti troppo da centro commerciale e poi lo scorso anno l'albero in videoarte creato appositamente da Fabrizio Plessi in occasione dei suoi 80 anni. Anche quello aspramente criticato nonostante fosse un'installazione artistica e anche di un certo valore, collegata con l'installazione creata per le finestre della piazza.


LA PISTA

Lavori in corso anche per la pista da pattinaggio di campo San Polo, che aprirà sabato 4 dicembre e rimarrà aperto fino a martedì Grasso, che cade il primo marzo. Sarà l'ultima pista del territorio ad aprire. Marghera è in funzione da sabato 20, piazza Ferretto da ieri (peccato per la pioggia del pomeriggio). Come sempre, ci sarà la possibilità di ingresso con pattini propri o a noleggio, con orari che comprendono sempre un intervallo per consentire la preparazione della pista dopo un'ora di scivolate. Infine, continuano ad essere montate le luminarie. Il progetto di illuminazione disegnato dal Comune per il tramite di Vela prevede infatti cavi di lucine sui principali assi cittadini, partendo da Piazzale Roma, passando per Lista di Spagna e correndo lungo ampi tratti di Strada Nuova. Nell'area realtina poi, si accenderanno il Ponte di Rialto, ruga degli Oresi e calle dei Botteri. Ancora le Mercerie, Spadaria, campo San Moisè e Calle Vallaresso, senza escludere calle Larga XXII marzo e l'intero perimetro di piazza San Marco. Un altro itinerario di luce sarà quello che collega calle della Mandola a campo Manin e Campo San Luca, tutta via Garibaldi e le zone della fermata Actv de la Palanca alla Giudecca e di Sant'Elena. (m.f.)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA