Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dottoressa no vax sospesa, caos tra i pazienti: «Se n'è andata con le nostre cartelle cliniche»

Martedì 5 Luglio 2022
Dottoressa no vax sospesa
10

MARTELLAGO - «È possibile che un medico di base si porti via le cartelle cliniche dei pazienti e non le metta a disposizione di chi lo sostituisce?». A porsi la domanda, sbigottita, la nuora di una un'anziana di Maerne, entrambe ex assistite come altre 1.500 persone, della dottoressa no vax della Medicina di gruppo di via Fapanni sospesa dal 31 dicembre non essendosi vaccinata. L'Ulss 3 nei giorni scorsi ha prorogato fino a fine anno l'incarico provvisorio di sostituzione alla dottoressa Marta Pasqualato, nota anche per essere un personaggio tv e una blogger. «Mia suocera ha 75 anni e soffre di varie patologie. Vogliamo chiedere l'accompagnatoria - spiega la nuora -, ma la dottoressa Pasqualato si è trovata in difficoltà perché manca la cartella clinica e con essa tutto lo storico: se l'è tenuta la dottoressa sospesa. E lo stesso problema si pone quando si tratta di scegliere quale tipo di farmaco salvavita prescriverle: si deve andare a tentativi con la terapia. Per fare la domanda dovremmo scovare tutti gli esami e i referti delle visite effettuati negli anni o rifarli. Una condotta inconcepibile e lesiva dei pazienti». In genere non ci sono problemi durante il passaggio di consegne tra medici di base, ma dall'Ulss ammettono che nello specifico, in ragione del provvedimento disciplinare, questo scambio è stato osteggiato dalla dottoressa sospesa. L'azienda sanitaria assicura che verificherà la situazione cercando di risolvere il problema, ma avverte anche che potrà intervenire solo all'interno delle regole della convenzione in forza della quale operano i medici di famiglia, che restano sempre dei liberi professionisti.

(n.der.)
    
 

Ultimo aggiornamento: 6 Luglio, 10:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci