Ostelli e finti hotel in pieno centro: scattano i controlli di vigili e finanzieri

Domenica 19 Gennaio 2020 di Michele Fullin
Uno degli alloggi controllati
4

VENEZIA - Leggi “locazione turistica” e trovi un ostello abusivo. Leggi “Bed & Breakfast” ed entri in un albergo abusivo. Dietro le apparenze, in una città che fa gola a tutti come opportunità d’affari spesso c’è l’illegale e l’irregolare. Attività non consentite che poi mettono in cattiva luce l’intera filiera del turismo e le stesse locazioni regolari, che comunque sono tantissime. Gli ultimi casi scoperti da un’operazione congiunta tra il Servizio attività produttive ed edilizia della Polizia locale e il primo Nucleo operativo della Guardia di finanza lasciano a bocca aperta, facendo intravvedere che ciò che si scopre è solo la punta dell’iceberg. Le attività di ispezione vengono fatte sia a campione tra quelle autorizzate (come in questi due casi) e anche su segnalazione dei cittadini di strutture non censite.

SUCCEDE ANCHE QUESTO Stanze prenotabili online ma hotel chiusi: il trucco dell'albergatore

La prima visita è stata compiuta in una struttura autorizzata come locazione turistica a Cannaregio, gestita da uno straniero di nazionalità afgana. Qui, invece di quattro posti letto, ne sono stati trovati sette e affittato uno per uno come se si trattasse di un ostello. È una situazione tipica che ricorre nelle strutture destinate ad un turismo orientale “low cost” che spesso sono gestiti da cinesi o coreani. In questo caso il dipendente era un afgano che non risultava avere un regolare contratto di lavoro. Per cui, le Fiamme Gialle stanno provvedendo a verificare la proprietà della struttura anche in relazione all’utilizzo del lavoro nero.

Un altro caso riguarda il sestiere di San Marco, dove un bed & breakfast, che la normativa prevede possa avere al massimo tre camere a disposizione degli ospiti, in realtà ne aveva ben otto: da 5 posti letto a 16. In sostanza, risultava essere neanche un affittacamere, ma una sorta di albergo completamente abusivo, visto che tutto si muove nell’ambito di una normativa che considera il B&B come un luogo in cui una famiglia mette a disposizione alcune camere della propria abitazione, rimanendo però all’interno. In realtà, di B&B come questi ce ne sono ben pochi, poiché all’interno ci sono dipendenti e le famiglie dei proprietari o dei gestori sono situate in un’altra parte. E questo fa venir meno anche il carattere di natura “residenziale” delle strutture, nate per consentire alle famiglie di arrotondare il reddito o di poter restare in una città costosa come Venezia affittando una parte della loro casa. Non c’è niente di male, ma in questo e in altri casi, le cose non stanno così.

Venezia, occasioni in centro storico: la Regione vende 22 appartamenti

Un problema riscontrato in entrambe le strutture riguarda il sovraffollamento abitativo. Una situazione, che oltre a garantire ricavi indebiti, può essere a lungo andare pericolosa per lo stabile che ospita la struttura turistica. Pertanto, gli uffici dell’Edilizia sono stati messi al corrente della situazione e l’inosservanza della diffida comporterà la cessazione delle attività. E veniamo alle multe: i titolari delle due strutture dovranno pagare in tutto 8mila euro per violazioni alla Legge regionale sul turismo alle quali si aggiungeranno eventuali sanzioni se verranno accertate irregolarità fiscali.

Anche se in questi giorni comincia a vedersi un certo movimento di trolley in città, tra un paio di settimane cominciano le giornate del Carnevale che solitamente si risolvono in un pienone delle strutture. Per questo inizio di stagione le cose non sono andate molto bene, a causa delle disdette e dei timori, soprattutto dei turisti stranieri su errate aspettative relative all’acqua alta (in questi giorni, manco a farlo apposta, l’acqua è più bassa del normale rispetto al medio mare).

I controlli disposti dalla polizia locale e dalla guardia di finanza proseguiranno quindi, anche perché dietro attività ricettive irregolari c’è un danno sia per le strutture registrate che per gli ospiti della città.

Ultimo aggiornamento: 10:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci