Carnevale, volo dell'Angelo anticipato di un'ora e al massimo ventimila in piazza

PER APPROFONDIRE: 2018, carnevale, venezia
Carnevale, volo dell'Angelo anticipato di un'ora e al massimo ventimila in piazza

di Tullio Cardona

VENEZIA - Domenica prossima non accadrà come il sabato della Festa di Cannaregio. Prefettura, Questura e Polizia locale stanno lavorando con l'organizzazione affinché il Volo dell'Angelo possa essere anticipato di un'ora (alle 11) per far arrivare meno gente in città, visto che in piazza San Marco pare ormai certo che più di 20mila persone non saranno ammesse, per via dei parametri di sicurezza stabiliti dal decreto Minniti. E, dopo l'esperienza di sabato sera con lo spettacolo sull'acqua dove le rive erano a numero chiuso ma intorno c'era il caos, con ogni probabilità si organizzeranno spettacoli in varie zone della città per consentire a chi arriva di scegliere un'alternativa alla piazza.

LA PANTEGANA
Vent'anni ma non li dimostra. La Festa veneziana, ad inaugurazione acquea del carnevale 2018, ha compiuto ieri due decenni, nata con Gino Puntar, Gianni D'Este e l'Aepe con il nome Co fa scuro, dove i fuochi pirotecnici in laguna nord erano la principale, magica attrattiva. Già l'anno prima, però, Giovanni Giusto, come presidente del Coordinamento delle remiere, aveva promosso il primo corteo di carnevale in Canal Grande e lungo il rio di Cannaregio, lanciando quella che, in connubio con la Festa veneziana, è poi diventata tradizione...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 29 Gennaio 2018, 08:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carnevale, volo dell'Angelo anticipato di un'ora e al massimo ventimila in piazza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-01-29 15:07:53
Il carnevale di Venezia deve essere manifestazione spontanea. Ciò si deve tener presente molto di più al giorno d'oggi perché Venezia già straripa di turismo. Il Comune dovrebbe avere come compito soltanto quello di vigilare al fine che non si oltrepassi il lecito. Sicché niente organizzazione di manifestazioni e relativo risparmio di soldi pubblici. Le eventuali spese devono essere sostenute da coloro che dal carnevale turistico veneziano traggono reddito: commercianti, ristoratori, albergatori, gondolieri e tassisti. Il cittadino residente già sopporta degli estremi disagi e del carnevale poco se ne interessa se non per la grande sporcizia che si ritrova in tutte le calli.
2018-01-29 10:52:26
Dove trovano molti la smania di trasgredire ?? C'e'piu' voglia di normalita'.Lavoro normale con paga normale ed otto ore normali con ritmi normali.Invece spesso chi ha un lavoro deve avere resistenza come le ballerine di Samba per 12 ore ininterrotte.Chi non ce l'ha non ha voglia di coriandoli addosso..non lo fanno ridere..
2018-01-29 09:38:31
La famosa ditta Francia o Spagana purche' se magna non e' nemmeno capace di organizzare un carnevale. Vi ricordate i carnevali della Biennale? Altra gente, altra stoffa, spettacoli magnifici in ogni campo veneziano. Tempi in cui i veneziani ancora ci credevano al carnevale. Ora e'fatto solo per turisti di secondo livello.