Treviso-Mare, dal nuovo autovelox incassi per 1,4 milioni, ma al Comune ne resterà un terzo. Tutte le uscite previste

Sabato 28 Gennaio 2023 di Emanuela Furlan
Treviso-Mare, dal nuovo autovelox "incassi" per 1,4 milioni, ma al Comune ne resterà un terzo.

MEOLOAutovelox sulla Treviso-Mare: il Comune di Meolo prevede di incassare dalle multe, in questo primo anno, 1 milione e 400mila euro. Un bel tesoretto per le casse comunali, che però si riduce sensibilmente a causa delle spese obbligatorie. «Stimiamo un'entrata netta di 1 milione e 110mila euro, poiché 290mila dovranno essere accantonati nel fondo crediti di dubbia esigibilità», ha precisato l'assessore al bilancio Giulia Vio, riferendosi ai possibili mancati incassi di parte delle sanzioni, durante la presentazione l'altra sera del bilancio comunale di previsione 2023.

Autovelox sulla Treviso-Mare, quanto costa la gestione?

«Inoltre, 300mila euro saranno da versare a Veneto Strade, l'ente proprietario della Treviso-Mare, 50mila euro per il noleggio dell'autovelox, 180mila euro per la gestione e notifica dei verbali il cui servizio è affidato alla ditta Maggioli, infine settemila euro per l'assunzione del vigile stagionale». A conti fatti, il Comune potrebbe contare su 573mila euro «che per legge saranno destinati interamente a interventi sulla viabilità» ha aggiunto Vio, smentendo le critiche di chi sui social sostiene che la Giunta Pavan vuole fare cassa. «Addirittura si è detto che abbiamo applicato una nuova tassa - ha proseguito - È incredibile che chi siede tra i banchi del Consiglio comunale e dovrebbe conoscere la materia faccia esternazioni simili. Dovrebbe vergognarsi, perché stiamo impiegando risorse per mettere in sicurezza le nostre strade e la vita di tutti noi. Su quel tratto di Treviso-Mare hanno perso la vita anche nostri concittadini».



Nessuna polemica dal gruppo Uniti per Meolo. «Ho sempre detto che ero a favore dell'autovelox - ha sostenuto il consigliere della lista Giampiero Piovesan, suggerendo che per rispondere alle critiche l'amministrazione dovrebbe installare delle opere per migliorare il tratto di strada - altrimenti l'autovelox da solo può dare l'impressione che il Comune voglia fare cassa». Nel bilancio di previsione 2023 rimarranno inalterate l'Imu e l'addizionale Irpef allo 0,8%. Nessun taglio dei servizi a domanda individuale, ma sono già stati applicati dei rincari per il trasporto scolastico, la mensa e l'uso delle palestre, dovuti al caro-energia, al costo del carburante e all'adeguamento Istat. La costruzione della nuova scuola primaria (6 milioni e 610mila euro), finanziata in gran parte con contributi ministeriali, è prevista per il 2024. «I veri nodi che tengono oggi bloccato il paese non vengono affrontati o risolti: il centro storico, la zona industriale, un piano di residenzialità per famiglie. E' un bilancio di ordinaria amministrazione» ha sottolineato Piovesan. Il bilancio di previsione è stato approvato dalla maggioranza, contraria la lista Uniti per Meolo.

Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 10:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci