Amazon "atterra" anche a Dese con un nuovo hub per tutta Venezia e l'hinterland

Giovedì 28 Ottobre 2021 di Paolo Guidone
DESE Il nuovo hub Amazon inaugurato ieri servirà i clienti dell area veneziana e della cintura urbana
1

MESTRE - Il primo prodotto consegnato è stato un paio di calzini antiscivolo richiesti da un cliente di Marcon. Complessivamente il nuovo centro di smistamento di Amazon di Venezia, il sesto aperto in Veneto, è composto da 75.000 metri quadrati di superficie (inclusi i parcheggi), di cui novemila metri quadrati di area coperta dove viene effettuato lo smistamento dei pacchi, e altri tremila metri quadrati di tettoia che viene utilizzata per il carico e lo scarico della merce, mentre sono ben 450 i punti di carico per i furgoni che da qui partono alle dieci del mattino per fare rientro alla sera. 
E’ una struttura logistica imponente che è entrata da subito a pieno regime già dalla mezzanotte di ieri quando sono arrivati i primi furgoni, quella presente a Dese di fronte al Valecenter e adiacente all’uscita autostradale di Marcon, che si conferma punto logisticamente strategico dell’area metropolitana veneziana. L’edificio è stato realizzato seguendo criteri di efficienza energetica con l’installazione di un impianto di riscaldamento, condizionamento e ventilazione degli ambienti, gestito da un sistema intelligente in grado di ridurre i consumi energetici superflui. Secondo Amazon Italia la nuova struttura consentirà all’azienda di rafforzare i processi del cosiddetto ultimo miglio, sia nella gestione degli ordini che nella velocità di consegna dei clienti, in particolare a Venezia e nella sua cintura urbana.
I DIPENDENTI
Amazon annuncia che nel nuovo deposito di smistamento entro il 2022 lavoreranno 20 operatori di magazzino che saranno assunti a tempo indeterminato, ai quali si aggiungeranno 50 autisti provenienti da una o più aziende in appalto che ritireranno gli ordini dal depositi e li consegneranno ai clienti. “Negli ultimi dieci anni siamo diventati uno dei più importanti creatori di posti di lavoro in Italia e siamo davvero felici di investire qui a Venezia con l’apertura di un nuovo deposito di smistamento che ci permetterà di offrire ai nostri clienti un servizio di consegna ancora più efficiente e creare nuovi posti di lavoro - afferma Gabriele Sigismondi, responsabile di Amazon Logistics in Italia- e la sicurezza e il benessere dei nostri dipendenti e del personale dei nostri fornitori terzi è la nostra priorità e, insieme ai nostri fornitori di servizi di consegna, ci impegniamo per offrire loro un ambiente di lavoro sicuro, moderno e inclusivo, con salari competitivi, benefit e ottime opportunità di crescita professionale”. 
E sempre Amazon Italia ricorda che i dipendenti sono assunti al quinto livello del contratto nazionale della logistica con una retribuzione d’ingresso pari a 1.680 euro lordi.
I SINDACATI
Diversi dubbi sulle buone intenzioni di Amazon e sulla veridicità dei numeri diffusi dal colosso dell’e-commerce riguardanti il numero complessivo di assunti (inclusi i drivers ) e le loro condizioni lavorative sono stati espressi dalla Filt Cgil di Venezia, che lamenta la completa assenza di contatti con l’azienda e di informazioni sull’applicazione del contratto di secondo livello che, tra gli altri aspetti, disciplina il ricorso al lavoro straordinario. E all’indomani dell’apertura del centro deposito di Dese la Filt Cgil rivolge un appello ai lavoratori appena assunti affinché contattino il sindacato di categoria per consentirgli di visionare la loro prima busta paga. “E’ l’unico modo che abbiamo per avere informazioni precise perché ora non sappiamo nulla sul numero effettivo di assunti e sulla tipologia di contratto utilizzato, sugli orari e le condizioni di lavoro e sulle aziende che operano in appalto – spiega Marcello Salbitani della Filt Cgil – e in queste settimane abbiamo più volte chiesto informazioni precise ad Assoespressi, che rappresenta Amazon, ma non ci ha dato alcuna risposta. Per non avere fastidi la logica è sempre quella di ridurre al minimo le rappresentanze sindacali sui luoghi di lavoro”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 08:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA