La consulente-psicologa: «Liliana non voleva uccidersi, vittima di un'oppressione. Oggi avresti compiuto 64 anni, auguri Lilly!»

Lunedì 25 Aprile 2022
Sebastiano Visintin, 72 anni, marito di Liliana Resinovich, 63 anni,

TRIESTE - Liliana Resinovich, la donna scomparsa a Trieste nel dicembre scorso e il cui corpo è stato trovato un mese dopo circa, domani, 26 aprile, avrebbe compiuto 64 anni e, in un ipotetico messaggio di auguri, Gabriella Marano, psicologa clinica e forense, consulente del fratello, Sergio Resinovich, segnala che sarebbe stata vittima di una sorta di «soffocamento» da «oppressione coniugale». «Auguri, amabile Lilly!», comincia il messaggio parlando di «una relazione ormai in crisi, un guscio rotto» che Lilly - «persona dignitosa, riservata, silenziosa, in equilibrio, che mal si attaglia con l'idea di un gesto estremo, realizzato, tra l'altro, con modalità eclatanti e rumorose - voleva abbandonare». La psicologa è dunque convinta che «Lilly non aveva voglia di morire, anzi stava per andare verso una nuova stagione di vita. Ed è in mezzo a questi due fuochi che è custodito il grimaldello che aprirà le stanze della verità». Dunque, proprio per questo, «auguri Lilly, con la promessa che mai ci fermeremo finché colui, o coloro che ti hanno suicidata, non avranno un nome»

Ultimo aggiornamento: 20:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci