Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Liliana Resinovich, cosa è stato trovato sotto la suola delle sue scarpe. Nuovi esami sui cellulari: caccia a ciò che è stato cancellato

Venerdì 22 Aprile 2022
Liliana Resinovich, cosa è stato trovato sotto la suola delle sue scarpe
2

TRIESTE - Novità sul caso di Liliana Resinovich, sotto la suola delle sue scarpe c'era del terriccio compatibile con quello del bosco in cui è stato rinvenuto il suo cadavere. Il particolare è emerso durante alcune analisi di laboratorio sugli oggetti rinvenuti addosso e accanto al corpo della 63enne e dimostra che la donna potrebbe essersi incamminata da sola lungo il sentiero che conduce al punto in cui giaceva.

Liliana Resinovich: il caso della donna scomparsa e ritrovata morta

Resinovich era scomparsa da casa il 14 dicembre. Il 5 gennaio il suo cadavere è stato trovato nel parco dell'ex ospedale psichiatrico di San Giovanni, avvolto in due sacchi neri. Dalla tac e dall'autopsia non sono emersi segni di violenza. La Procura di Trieste ha aperto un fascicolo per sequestro di persona e al momento non ci sono indagati. Gli inquirenti non escludono l'ipotesi di un suicidio. Le indagini intanto proseguono.

Nuove analisi sulla bottiglietta

La Procura farà analizzare nuovamente la bottiglietta trovata vicino al cadavere e repertata dalla Polizia scientifica. Si tratta di un esame di laboratorio sul contenuto: la data dell'accertamento - scrive Il Piccolo - è il 4 maggio presso la Sezione sostanze psicotrope e stupefacenti del Servizio Polizia scientifica di Roma.

Esami sui cellulari di Liliana

Sono inoltre previsti nuovi esami approfonditi sui due telefoni cellulari della donna, trovati nella sua abitazione. Mercoledì 27 la Procura conferirà l'incarico all'ingegnere informatico Nicola Chemello, che scandaglierà la memoria dei telefoni per ricavare eventuali messaggi e mail cancellati, video guardati e siti visitati

Ultimo aggiornamento: 19:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci