Critica la pediatra su Facebook e lei cancella il figlio dai pazienti

Critica la pediatra su Facebook  e lei cancella il figlio dai pazienti

di Maria Chiara Pellizzari

TREVISO - Una mamma pubblica un post su Facebook in cui lamenta la scarsa presenza della pediatra: per tutta risposta, la dottoressa ricusa il figlio dalle sue liste. Ecco cos'è successo per uno sfogo sulla piazza virtuale dell'Ora di Castelfranco utilizzata per condividere le proprie preoccupazioni con altri utenti del web, in questo caso con i genitori. «Venti giorni fa ho espresso un'opinione (su Facebook): ho detto che non sono riuscita a parlare direttamente con il medico, in tre settimane ho parlato con due sostituti e una segretaria - ricorda la mamma - poi mi è arrivata la lettera. Ho telefonato, un responsabile dell'Usl 2 mi ha riferito che la dottoressa ha deciso di non seguirmi più a causa di un mio post».

A fare chiarezza è il direttore generale dell'Usl 2, Francesco Benazzi: «Quello tra medico e paziente è un rapporto fiduciario. Come un paziente, se non ha più fiducia, può cambiare medico, così anche il medico può ricusare il paziente. Sono le regole del contratto nazionale»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 8 Marzo 2018, 08:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Critica la pediatra su Facebook e lei cancella il figlio dai pazienti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 63 commenti presenti
2018-03-09 17:29:09
Signore e signori qualche volta è bene leggere l'articolo completo per conoscere i fatti, prima di iniziare a commentare. Personalmente non l'ho fatto dopo avermi letto l'articolo sul giornale digitale, e quindo ho reputato corretto non dire nulla aspettando il proseguo di questa remora.
2018-03-09 12:11:47
Il diritto di critica e' sancito dalla costituzione. Se i fatti sono veri la Pediatra puo' solo recitare il mea culpa...
2018-03-09 09:51:49
Ma di quale rapporto fiduciario si parla? Devi scegliere da una lista dell'ULS, alla cieca. Se è vero quanto scritto da quella mamma non mi pare abbia tutti i torti. Ha solo sbagliato il modo di divulgarlo perchè questa uso dei social ormai è diventato deleterio. Capisco anche che se avesse inoltrato una lamentela all'ULS l'avrebbero sicuramente archiviata inviando una risposta preconfezionata. Non dimentichiamo che quella dei medici è una corporazione e come tutti gli altri ordini professionali (che ormai esistono solo in Italia) fanno un po' quello che gli pare.
2018-03-08 20:40:11
Da quel che capisco si è rotto il rapporto fiduciario....ma c'era un rapporto???
2018-03-08 20:34:26
La legge parla chiaro "Fiducia reciproca" . Se poi alcuni commentatori appartengono alla schiera che pensa che le leggi debbono essere rispettate dagli altri per permettere maggior diritti ai furbi ...