Moglie tenuta in ostaggio dal marito armato in casa a Preganziol, lui è già stato scarcerato: è a casa con il braccialetto elettronico

Domenica 25 Febbraio 2024 di Giuliano Pavan
Moglie tenuta in ostaggio dal marito armato in casa a Preganziol, lui è già stato scarcerato: è a casa con il braccialetto elettronico

PREGANZIOL (TREVISO) - «Sì, quella sera abbiamo litigato. E non era la prima volta. Stiamo parlando da tempo di separazione, ma non accetto quella consensuale: non sono stato io a tradire». In sintesi è solo un passaggio degli oltre 30 minuti di interrogatorio reso dall’operaio 55enne di Preganziol, ex militare, arrestato giovedì mattina nella sua abitazione di via Gorizia dai carabinieri del reparto servizi operativi speciali per aver sequestrato e minacciato la moglie con una pistola, davanti al gip Marco Biagetti nel nel carcere di Santa Bona. Difeso dall’avvocato Luigi Fadalti, l’uomo ha raccontato la propria verità, tanto che il giudice, come peraltro richiesto anche dal sostituto procuratore Giulio Caprarola, gli ha concesso gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nella casa del padre, che dista qualche centinaio di metri da quella in cui vive con la moglie, un’ex ballerina di 58 anni. 


L’INTERROGATORIO
L’operaio, dipendente tecnico di un’azienda di Marghera, oltre a ricostruire i rapporti con la moglie ha anche ricostruito quanto accaduto nella notte tra mercoledì e giovedì. «Sequestro di persona? No, mia moglie ha sempre avuto le chiavi di casa». E sulle minacce con una pistola in mano ha sottolineato: «Certo, ho sette armi in casa tra pistole, fucili e carabine, tutte regolarmente detenute. Cinque sono sempre rimaste nell’armadietto blindato assieme ai caricatori di altre due, che avevo nel cassetto del comodino». E ancora: «Non le ho puntate contro mia moglie». E in ogni caso, secondo la difesa, sarebbero state innocue, senza alcun colpo in canna. Il codice rosso, però, è scattato subito, dopo la chiamata della figlia 28enne della vittima che temeva per l’incolumità della madre. «Questa volta di ammazza» le aveva scritto la donna.

Un messaggio che ha messo in allarme la giovane che ha fatto intervenire i reparti speciali. 


LA RICOSTRUZIONE
La versione resa agli inquirenti dalla vittima è però diversa. La Procura, che procede per i reati di sequestro di persona aggravato e maltrattamenti in famiglia, parla di un clima pesante da tempo, fatto di litigi e pressino psicologiche confermate anche dai vicini di casa, che spesso sentivano urla provenire da quell’appartamento. Fino a mercoledì, però, non era mai stata formalizzata alcuna denuncia, né le forze dell’ordine avevano operato alcun intervento per sedare liti o riportare la calma in famiglia. Il rapporto tra i due era finito da un po’, si parlava di separazione. E mercoledì, secondo quanto riferito dalla 58enne, stavano parlando proprio di quello. «Ti lascio, voglio andarmene per sempre da qui» gli ha detto al culmine di un litigio. È stata questa, probabilmente, la molla che ha fatto scattare la reazione del 55enne che l’ha chiusa in casa sotto la minaccia di una pistola. Dopo il messaggio alla figlia, sono iniziate le comunicazioni con il negoziatore dei carabinieri: il suo compito all’inizio è stato quello di farle recuperare un briciolo di lucidità. Fino a quando, il mattino successivo, la 58enne ha portato fuori il cane consegnandosi ai carabinieri che, a quel punto, hanno fatto scattare il blitz nell’abitazione di via Gorizia. 

Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 08:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci