L'addio dello sceriffo Gentilini alla sua "Resy"

Resy e Giancarlo Gentilini

di Elena Filini

TREVISO - «La mia Resy era magnifica. Come donna, come madre, come nonna» Poi lo Sceriffo si commuove. È un Gentilini privato quello che si alza in piedi a fine cerimonia a dare l'ultimo saluto alla moglie Teresa. Il commiato era stato per volere della famiglia contingentato: pochi amici, no ad occhi esterni e telecamere. Un addio intimo, nella cappella della casa di riposo Città di Treviso a Santa Bona dove la donna viveva da quattro anni. E poi la cremazione al Supremum Vale.

L'ultimo viaggio, infine, verso San Lazzaro dove quella bella commessa della Stanga stregata dal fascino di Genty attenderà il suo amato Giancarlo. Cento persone dentro e altrettante fuori. Insieme al prosindaco i figli Stefano e Antonio, il nipote e tutti i familiari. Poi gli amici alpini, tra cui il generale Italo Cauteruccio, gli ex colleghi Cassamarca, Gian Paolo Gobbo e Francesco Benazzi. Presente anche Giovanni Manildo, che Gentilini ha personalmente ringraziato dal pulpito. «Ringrazio il sindaco, me lo ricordo quando era bambino.. una piccola peste» ha sorriso Genty. Insieme a Manildo, i consiglieri Iannicelli e Tocchett, il direttore  Usl 2  Benazzi. Sul fronte Lega presenti i fedelissimi Antonio Basso e Sandro Zampese e il capogruppo del Carroccio in Comune Mario Conte, ma anche Mauro Michielon e tanti ex leghisti. «Giancarlo ha fatto un lungo discorso incentrato sull'amore - commenta Bepi Basso - ha ricordato la compagna sobria e discreta di una vita. Poi è vero, per un secondo ha perso il su proverbiale self control. È stata una cerimonia molto discreta, come lei avrebbe desiderato». 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 18 Ottobre 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'addio dello sceriffo Gentilini alla sua "Resy"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-18 21:19:24
....R.I.P.....!