Sub morto durante l'immersione: «Mi sono accorta che aveva la maschera appannata e guardava verso l'alto»

Lunedì 12 Settembre 2022 di Mep
Sub morto durante l'immersione, Giuseppe Viscuso

TREVISO - «Giuseppe mi ha fatto segno che qualcosa non andava. L'ho accompagnato nella risalita. A pochi metri dalla superficie ha perso i sensi: me lo sono caricato in spalla per issarlo sul gommone. Lo abbiamo rianimato a lungo, ma non si è più ripreso». Sono ancora sconvolti i compagni di Giuseppe Viscuso, il sommozzatore trevigiano di 66 anni stroncato da un malore fatale sabato mattina al largo di Cavallino-Treporti, durante un'immersione. Ucciso probabilmente da un infarto o da un'embolia: sarà l'autopsia, che la Procura di Venezia probabilmente disporrà nelle prossime ore, a fare chiarezza.

Malore improvviso e morte: cosa e' successo al sub

Una tragedia in una giornata che invece avrebbe dovuto essere di festa. Pinuccio, ex venditore di NaturaSì, residente in via Ghirlanda, sposato e padre di due figli, aveva compiuto gli anni mercoledì e aveva deciso di festeggiare anche con il gruppo della Sile Sub. La mattina aveva offerto la colazione a tutta la comitiva, composta da altri 6 sommozzatori, istruttori compresi. Una volta riemersi, Viscuso era pronto a fare il bis con un vassoio di bigné. Invece ci sono stati soltanto choc e lacrime. Una delle più provate è l'istruttrice a cui Viscuso ha chiesto aiuto. È stata lei a organizzare quell'uscita a Cavallino-Treporti. «Era un'immersione molto facile, ricreativa. L'attrezzatura era a norma. E Giuseppe, che aveva una certa esperienza in fatto di immersioni, non aveva dato segno di malessere prima di tuffarsi anzi rideva e faceva battute. Si vedeva che era contento». Il 66enne aveva preso il brevetto negli anni Settanta e nel 2019 aveva riannodato i fili di quella sua grande passione iscrivendosi al circolo Sile Sub. I sette sommozzatori trevigiani sono usciti in barca verso le 10.30. A bordo c'erano anche altri tre sub di un gruppo diverso. La comitiva ha preso il largo, raggiungendo il punto di immersione, a circa dieci miglia dalla costa, dove il fondale è profondo una ventina di metri.


Il malore durante l'immersione e il massaggio cardiaco


«Giuseppe è stato il primo a entrare in acqua. Pochi minuti dopo avevamo quasi raggiunto il fondale. Davanti a lui c'era un sub esperto, dietro c'ero io - racconta la sommozzatrice -. Mi sono accorta che aveva la maschera appannata e guardava verso l'alto. Gli ho chiesto se andava tutto bene e mi ha fatto cenno di no. Siamo tornati su insieme. Ho pensato a un problema di digestione. Ma a pochi metri dalla superficie l'ho visto a faccia in giù: aveva perso i sensi». E anche il battito, come i compagni hanno constatato una volta issato a bordo del gommone. Bombole e attrezzatura sono state sganciate e lasciate affondare perché non fossero d'intralcio. «Abbiamo iniziato subito le manovre di rianimazione: massaggio cardiaco, respirazione bocca a bocca, mascherina d'ossigeno - racconta Gianni Alban, pilota trevigiano del gommone. Subito è scattata la segnalazione alla Guardia costiera, che a sua volta ha allertato la centrale operativa del 118. Recuperati tutti i sub, il gommone ha raggiunto l'attracco «senza mai smettere di praticare le manovre salvavita» - precisa Alban.

Tra i sub c'era anche un medico

Il caso ha voluto che tra i sub ci fosse anche un medico, che si è prodigato nelle manovre di rianimazione. Al pontile Piave Vecchia, ad attenderli, c'era un'ambulanza della Croce Verde di Ca' Savio: ma nemmeno i sanitari sono riusciti a riportare in vita il 66enne. A quel punto non rimaneva che dichiararne il decesso: la famiglia attende ora il nullaosta del magistrato per fissare le esequie. La Procura di Venezia ha aperto un fascicolo sulla morte in mare. La Guardia Costiera, che nell'immediato ha raccolto le testimonianze degli altri sommozzatori, sta ricostruendo tutte le fasi dell'immersione. Anche sulle bombole del 66enne, recuperate dal nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco di Vicenza, verranno eseguiti gli opportuni accertamenti.

Ultimo aggiornamento: 09:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci