Caffè Borsa, riparte la gara per gestirlo. Domande entro il 23 aprile

Giovedì 1 Aprile 2021 di Roberta Merlin
Il Caffè Borsa in Piazza Garibaldi

ROVIGO - Dopo la mancata aggiudicazione della prima gara, la Giunta della Camera di Commercio di Venezia Rovigo ha dato il via al nuovo bando per la locazione del “Caffè Borsa” in piazza Garibaldi. 
Gli aspiranti gestori, da ieri, fino alle 12.30 del 23 aprile, possono dunque presentare le offerte per aggiudicarsi lo storico caffè del centro per i prossimi sei anni, rinnovabili tacitamente per un periodo della stessa durata. Canone di locazione posto a base di gara pari a 34.800 euro. 
NESSUNA OFFERTA ACCOGLIBILE
A rendere nullo, ai primi di marzo, il primo tentativo di aggiudicazione del locale di piazza Garibaldi era stata la non idoneità delle due offerte che erano arrivate in finale. A contendersi infatti la locazione del Borsa due noti imprenditori della provincia: la società dei ristoratori Gianluca Piccolo e Andrea Sfriso, gestori di diversi locali pubblici in città e il re dei panettoni di Badia Polesine Borsari, il cui arrivo nel capoluogo aveva suscitato, fin da subito, un certo entusiasmo tra i clienti del prestigioso marchio dolciario polesano famoso in tutto il mondo e in Italia con altri cinque locali. A sorpresa, però, la partecipazione del colosso dei dolci di Badia, nella prima gara, era stata respinta per un vizio relativo alla compilazione dell’offerta. L’errore, secondo quanto spiegato dall’imprenditore della Borsari Andrea Muzzi, sarebbe stato del suo staff tecnico incaricato a compilare l’offerta. Una disattenzione che non aveva permesso alla nota azienda di raggiungere lo step finale della gara per la gestione dell’antico Caffè. 
NUOVO BANDO
Tutto da rifare, insomma. Dopo una settimana di attesa, ieri la Camera di Commercio ha dunque pubblicato il nuovo bando per assegnare il locale al miglior offerente. Borsari, nei giorni scorsi, ha annunciato l’intenzione di ritentare la corsa per lo storico caffè del centro. 
Il numero uno della Borsari si è infatti già presentato all’Amministrazione comunale illustrando il progetto di sistemazione che ha in mente per lo storico caffè, tra i quali la realizzazione di un moderno plateatico rimovibile che potrebbe interessare anche parte di piazza Garibaldi. Il Comune si era detto disponibile ad andare incontro, per quanto possibile, alle esigenze della nuova gestione dello storico caffè del centro, luogo d’incontro del capoluogo, nella speranza che l’arrivo del re dei dolci possa dare uno slancio positivo al centro. 
LA RIAPERTURA
Entro la primavera, ha spiegato la Camera di Commercio , il Borsa avrà sicuramente un nuovo gestore e non rimarrà dunque chiuso a lungo. Il locale di piazza Garibaldi ha una storia consolidata ed ha segnato per decenni la vita sociale della comunità di appartenenza, gli interni spaziosi e luminosi sono stati rinnovati recentemente. Rappresenta un punto di riferimento della città di Rovigo: da ritrovo dei mediatori nel giorno di mercato, a salotto della città, senza però mai perdere la propria identità. Le colonne portanti interne con rappresentazioni su bronzo e formelle smaltate in maiolica rappresentano un tratto della storia del locale. Così come richiesto dal bando, nei predetti locali potrà essere prevalentemente esercitata l’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, nello specifico attività di bar e preparazione e somministrazione pasti veloci, sarà possibile anche esercitare, come complementare, l’attività di commercio all’interno dei locali. Il conduttore si deve impegnare a tenere aperta l’attività commerciale nella fascia oraria 7.30–24, su almeno 6 giorni su 7, salvo diversi accordi con l’Ente camerale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA