«Boccia-Zaia, «incontro proficuo» ma 36 rilievi sulla bozza del Veneto

Boccia-Zaia, «incontro proficuo» ma 36 rilievi sulla bozza del Veneto

di Alvise Fontanella

VENEZIA - «Il mio incontro con Luca Zaia? Ottimo. Io faccio calmare tutti». Sono queste le parole del ministro Francesco Boccia, dopo il colloquio che oggi, 23 settembre, ha avuto con il governatore del Veneto a palazzo Balbi, a Venezia, sede del governo regionale, sul tema dell'Autonomia. 


VENETO, "CONCESSIONE" DIPLOMATICA MA NIENTE PASSI INDIETRO
Dalle parole del ministro, pare chiaro che l'incontro ha ribadito che le posizioni sono ancora molto distanti, nonostante Zaia abbia dato il benvenuto al rappresentante del nuovo governo con una "concessione" di cortesia istituzionale che mira a depotenziare le polemiche sull'Autonomia scatenate da esponenti politici del Centrosud secondo i quali si tratterebbe di un provvedimento "spacca-Italia". Proprio per togliere di mezzo queste polemiche, Zaia ha introdotto nella bozza un nuovo articolo, una sorta di premessa, che inquadra senza ombre il trasferimento delle competenze alla Regione nella cornice dei principì di «coesione nazionale, solidarietà e unità nazionale». Ma nel merito, nessun passo indietro del Veneto: nella nuova bozza sull'autonomia della regione consegnata al ministro Francesco Boccia, «si prevede - ha confermato il presidente Luca Zaia - la richiesta di tutte le 23 materie». «Non può passare il principio - ha ricordato, riferendosi al modello differenziato di autonomia - che l'abito di uno debba andare bene a tutti. Puoi sistemarlo, puoi adattarlo, ma se mi offrono un modello con 4 o 5 taglie in meno vuol dire che non abbiamo a che fare con un buon negozio».


ZAIA: RICONOSCIUTA L'UNITÀ NAZIONALE, POSSIAMO PARLARE DI AUTONOMIA? 
«L'incontro è stato positivo - ha riconosciuto il governatore del Veneto -. La regola è sempre la stessa: la nostra unica volontà è di portare a casa l'autonomia. Abbiamo fatto un bel lavoro. Il ministro ha riconosciuto che il Veneto ha lavorato ed è stato apripista». «Nella bozza consegnata oggi - ha aggiunto - il primo articolo è la novità che ho voluto far inserire e parla chiaramente di coesione, solidarietà, sussidiarietà, unità nazionale. Premesso questo,si può parlare di autonomia? Sono 30 anni che tentiamo questa operazione.  È pur vero che dovremo confrontarci. Oggi ho consegnato al ministro la nostra bozza di intesa. In questa bozza ci sono 68 articoli e ricordo che il primo articolo è la novità che ho voluto far inserire e parla chiaramente di coesione, solidarietà, unità nazionale, sussidiarietà».


BOCCIA CONSEGNA IL DOCUMENTO CON I 36 NO DEL GOVERNO
Il ministro Boccia riconosce senza imbarazzi la distanza tra il governo e il Veneto sul tema dell'Autonomia. «Abbiamo le nostre idee, non sono venuto qui con degli appunti precompilati. - ha detto Boccia - Il presidente Zaia mi ha consegnato le proposte della Regione Veneto e io ho trasmesso i 36 rilievi che ho trovato».Boccia ha insistito sulla volontà del Governo di arrivare ad un modello sull'autonomia differenziata «che capovolge il meccanismo seguito fino ad ora», e che rappresenti «una lotta senza quartiere alle disuguaglianze, che ci sono ovunque anche nel Nord e in Veneto».
«Sono venuto qui perchè penso che l'autonomia differenziata sia un punto fermo del programma del nostro governo e noi vogliamo farla. Vogliamo farla bene, in maniera coerente ma deve diventare una lotta alle disuguaglianze tra Nord e Sud, tra Nord e Nord e tra Sud e Sud». «L'incontro è stato proficuo, costruttivo è andato molto bene ed è stato di totale collaborazione - ha sottolineato- siamo entrati nel merito e quando si entra nel merito inevitabilmente le persone di buon senso che hanno a cuore il nostro paese trovano delle soluzioni. Un ottimo primo incontro e ora lavoreranno i tecnici».

IL MINISTRO: SCONTRO NORD-SUD IRRESPONSABILE
«Lo scontro tra Nord e Sud è la trasformazione, purtroppo irresponsabile, di chi ha usato l'autonomia come manganello contro una parte del Paese. Un errore gravissimo, perchè ci vuole poco a mettere nella società il seme anche del conflitto» ha detto il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia.
 Alla domanda dei cronisti se a tutte le Regioni suggerirà di avanzare la richiesta di autonomia, il ministro ha spiegato «non posso chiederlo a tutti ma lo consiglio a tutti». «Le 5 Regioni che già ce l'hanno - ha spiegato - hanno, come noto, molti dossier aperti con lo Stato ed è giusto allineare quei dossier, nonostante la specificità che hanno attraverso i loro statuti speciali».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 23 Settembre 2019, 15:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Boccia-Zaia, «incontro proficuo» ma 36 rilievi sulla bozza del Veneto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 38 commenti presenti
2019-09-24 18:47:28
Già, si riferisce ai governi legaioli e ha ragione, non hanno portato nulla di buono nei decenni alla padania. Comunque mi raccomando riririvotateli siete uno spasso.
2019-09-24 18:32:45
Quello che la stragrande maggioranza delle persone di buon senso richiede a gran voce è l'abolizione delle inutili e scandalose Regioni, attive produttrici del mostruoso debito pubblico che ha soffocato e soffoca l'economia sana del Paese (ordinarie, autonome e sopratutto speciali), senza SE e senza MA!
2019-09-24 22:31:43
... ma certo, cosi' avremo in tutta italia servizi a livello napoletano, con costi siciliani...
2019-09-25 15:50:37
Lei avrà di certo le proprie informazioni, ma altri ne hanno altre di informazioni, come per esempio definire l'assunzione in Regione come un vero terno al Lotto. Non creda che sfugga all'attenzione la schiera di autisti, portaborse e collaboratori vari, utili a servire il politico e la di lui famiglia "allargata". Potrei continuare con cene giustificate da motivazioni imbarazzanti, alle quali partecipano tutti coloro che... (non è difficile tradurre), viaggi di quà e di là che potrebbero essere risolti con qualche telefonata ecc.(periodico). Mi associo a chi auspica lo smantellamento di queste strutture che quando investono, perdono (ma sarebbe perdiamo), quindi a claudio pros, buona giornata.
2019-09-24 15:40:26
L'avete notato, vero, che un certo utente ha un numero di like del tutto inverosimile?