Fontanafredda. Scritta fascista restaurata a Ranzano: si scatena l'ira di Anpi e Pd Foto

Martedì 25 Gennaio 2022 di Riccardo Saccon
Fontanafredda. Scritta fascista restaurata a Ranzano
18

FONTANAFREDDA (PORDENONE) - Vecchia di un secolo, sbiadita, torna a nuova vita una delle scritte murali dell'era fascista. Fa discutere a Fontanafredda l'opera di ripittura di una vecchia frase scritta sul muro di una abitazione in centro a Ranzano, lungo via Dante, visibile per chi arriva da Vigonovo ed è diretto a Polcenigo e che recita: questo è il tempo in cui bisogna sentire l'orgoglio di vivere e di combattere. La frase è stata restaurata con tanto di data, lo scorso 16 gennaio e la notizia è stata pubblicata anche in calce ad un vecchio post nella pagina Sei di Ranzano-Vigonovo-Romano se. Ad annunciare i lavori di restauro un cittadino che nel post spiega: «Eccola rifatta fresca fresca. Una persona amante della storia e del restauro si è offerto di rinnovarla gratuitamente». E aggiunge: «Priva di anacronistici significati politici mi pare si adatti bene anche a questi tempi di pandemia».

LA SCRITTA FASCISTA

In effetti, potrebbe essere riferita anche ai tempi bui attuali. Storia, grafica e modalità raccontano invece il passato. È infatti una delle frasi tipiche del fascismo, rintracciabile nel Foglio di disposizioni del Partito nazionale fascista, datato dicembre 1939, in cui veniva ordinato ai segretari federali di fare attenzione affinché le frasi riprodotte siano anche intonate all'ambiente in modo da costituire un richiamo diretto ed efficace. Quella di Ranzano non è l'unica. Diverse le case segnate in tutte le località, compresa quella che appariva sul muro dell'ex canonica a Fontanafredda, fatta cancellare dal sindaco Loris Saldan qualche lustro fa con il restauro della futura Ca' Anselmi.

CRITICHE E POLEMICHE

La scritta riportata a nuovo non è passata inosservata. La scorsa settimana la polizia locale l'aveva segnalata ai carabinieri di Fontanafredda e il sindaco Michele Pegolo conferma che sono state informate le autorità competenti. Ieri diversi i commenti critici sono apparsi non solo nelle pagine social. L'Anpi con il presidente del mandamento di Sacile, l'avvocato Loris Parpinel, stigmatizza: «Esprimo tutta la nostra indignazione. Anche se la cosa non ha rilevanza legale (il riferimento è al reato di apologia del Fascismo, ndr), è sicuramente un atto di cattivo gusto, per quanto la frase in sé sia anche abbastanza neutra. Capita però in un momento particolare, quello della settimana della Giornata della memoria. Ed è uN' offesa anche per un Comune che ha comunque avuto importanti rappresentanti partigiani, come il nostro presidente onorario Angelo Carnelutto, il partigiano Clark che oggi ha 95 anni, o Antonio Zilli ucciso dai fascisti».

L'AMAREZZA DEL PD

«Ecco aggiunge Adriana Del Tedesco, consigliere comunale del Pd a Zilli è stata dedicata una pietra d'inciampo a Pordenone, ma Fontanafredda non gli ha mai tributato niente. La frase in sé potrà non essere offensiva, ma lascia molta amarezza. Si potrebbe anche capire l'intento di un ricordo storico, ma poi forse sarebbe meglio una mostra per ricordare le frasi fasciste, contestualizzarle con adeguate spiegazioni e informazioni. Invece di guardare al passato forse sarebbe meglio guardare al futuro e magari pensare di abbellire alcuni muri come quello davvero brutto che si vede in piazza Julia a Vigonovo».

Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci