Schianto frontale Peugeot-Bmw dopo una sbandata, Giulia muore a 38 anni

Lunedì 15 Novembre 2021 di Nathalie Santin
Le immagini dell'incidente
1

SAN VITO - Tragedia sull'ex strada provinciale 21 nella prima serata di ieri a San Vito al Tagliamento . Una donna di 38 anni, residente in paese, ha perso la vita in uno schianto frontale mentre stava rientrando verso casa. Giulia Bertolin, originaria di San Vito e residente a Casarsa,  era alla guida di una Peugeot 208 grigia, quando è stata travolta da una Bmw 216 che ha improvvisamente invaso la corsia di marcia e, nello stesso tempo, è stata tamponata dall'auto che la seguiva.

LA TRAGEDIA

L'incidente è successo verso le 19.15 sulla strada che collega San Vito a Bannia, in un tratto rettilineo che si trova all'altezza di un allevamento di suini. Al volante della Bmw 216 nera c'era un 36enne originario di Maniago, L.A., che per motivi al vaglio dei Carabinieri ha invaso la corsia opposta. La 38enne ha tentato di evitare l'impatto sterzando a destra, verso l'area erbosa a bordo della strada, ma non ha potuto evitare l'impatto. Mentre la Bmw carambolava restando al centro della carreggiata, con la parte anteriore completamente distrutta, la Peugeot 208 è stata tamponata da una Volkswagen Polo bianca con alla guida N.M., 33enne sacilese, rimasto illeso.

I SOCCORSI

A San Vito sono arrivate le ambulanze da San Vito e l'automedica da Pordenone, assieme ai vigili del fuoco di San Vito e di Pordenone. Il conducente della Bmw è stato trasportato in codice giallo all'ospedale di San Vito: si lamentava, ma i soccorritori non hanno avuto difficoltà a estrarlo dall'abitacolo. A preoccupare erano le condizioni della 38enne incastrata nell'auto. I vigili del fuoco, dopo aver tagliato le portiere con le cesoie, hanno usato i pistoni per allargare l'abitacolo. Era ancora viva, è riuscita a scambiare qualche parola con i soccorritori, poi il suo cuore si è fermato a causa delle gravi lesioni riportate. Mentre l'équipe dell'elisoccorso veniva fermata a Casarsa, il medico rianimatore, sul posto con l'automedica, ha tentato di salvare la donna, purtroppo mancata durante la corsa in ambulanza verso l'ospedale di San Vito. Sul luogo della tragedia sono rimasti a lungo i carabinieri della stazione di San Vito e del Radiomobile di Pordenone, che si sono occupati della ricostruzione della dinamica e dell'accertamento delle responsabilità. 

La vittima 

 

Ultimo aggiornamento: 16 Novembre, 21:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA