Ruba dal bancone della birreria la cassetta per l'elemosina destinata alle missioni

Sabato 26 Marzo 2022 di Cristiana Sparvoli
La cassetta per le offerte

PRATA - Dalla birreria “Tana del Luppolo” è sparita la cassettina contente le destinate alla parrocchia Santa Lucia di Prata. Il sospetto del responsabile del locale è che a rubarla sia stato un venditore ambulante, entrato nel locale attorno alle 19 di giovedì. Ma sembra che non sia l’unico furto con destrezza di elemosine solidali, poiché nei giorni scorsi è stata segnalata la sparizione di un’altra cassettina al Bar alla Crose di Porcia. Il furto di Prata lo denuncia Simone Colusso, beer sommelier di Portogruaro, dal 2018 responsabile della “Tana del Luppolo” in via Martiri della Libertà, nel centro del paese. Quanto devoluto nel piccolo contenitore di cartone è destinato ad arrivare, tramite don Pasquale Rea, al Centro Missionario Diocesano. Da quando Russolo lavora nella birreria, insieme con i suoi collaboratori ha deciso di mettere nella cassettina le mance lasciate dai clienti, che a volte aggiungono le loro libere donazioni. Poi, prima della feste di Pasqua, il denaro viene consegnato al parroco.


LA SPARIZIONE


Giovedì sera nel locale è entrato un uomo, sconosciuto e non del paese, su cui sono caduti i primi sospetti una volta scoperta la sparizione. «È entrato uno straniero con un borsone di canovacci, fazzoletti eccetera - ha scritto il barista nella pagina social di Prata -. Si è seduto al banco e mentre noi lavoravamo si è permesso di rubare la musigna della solidarietà». Simone Russolo ha descritto quanto accaduto nella denuncia che depositerà questa mattina ai carabinieri di Prata, in modo da segnalare nel territorio la presenza di un sospetto ladro, che gira in bicicletta in base agli “avvistamenti” di altri abitanti del paese. zLa raccolta delle donazioni l’ho fatta fin da quando abbiamo aperto il locale, per dimostrare la nostra solidarietà verso le persone meno fortunate - ha raccontato Russolo -. Quell’uomo non lo avevamo mai visto prima. Si è seduto al bancone ed ha chiesto un caffè e un bicchiere di vino bianco. La cassettina di solito la teniamo sul banco, vicino all’astuccio delle matite e ai lecca lecca che regaliamo ai bambini».


IL LOCALE


Alla “Tana del Luppolo” si beve birra e generosità, perchè, afferma il responsabile, «per solidarietà e per la gioia del prossimo da noi un pasto caldo gratuito lo trovi sempre, soprattutto i disagiati». Ma il venditore ambulante, a quanto sembra, ha preferito fare un prelievo in proprio. Russolo ci tiene a sgombrare il campo da ogni equivoco, sull’accusa rivolta all’uomo: «Premetto che non è una questione di razzismo, anche perché i miei colleghi di lavoro sono dell’Angola, Bangladesh, Pakistan, Ghana». Nonostante il furto subìto, lo staff della birreria ha deciso che il “don” non poteva rimanere senza il consueto obolo per le missioni. «La cassettina gliela abbiamo sempre consegnata la settimana prima di Pasqua - ha proseguito il barista -. Perciò, vista la situazione, io e il mio collega Luciano abbiamo deciso di toglierci 60 euro a testa dallo stipendio, per riempire di nuovo il salvadanaio». Quindi il parroco avrà le consuete donazioni della “Tana del Luppolo” da far arrivare ai centri missionari diocesani. A cui si aggiungono i generi alimentari che Simone ha conferito alla parrocchia per essere distribuiti ai profughi ucraini.

 

Ultimo aggiornamento: 08:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci