Tragedia sul ponte Cadore: indagato un altro automobilista per la morte di Sara

Mercoledì 15 Settembre 2021 di Davide Piol
Sara Candeago
5

PERAROLO - Ci sono due indagati per la morte di Sara Candeago, la 19enne che giovedì scorso ha perso la vita all’inizio del Ponte Cadore dopo lo schianto terribile con un’auto che proveniva dalla direzione opposta. Si tratta di L. B., 72enne di Treviso, e G. C., 75enne di Venezia. Entrambi erano alla guida di auto  Mercedes C 220 e sono indagati per omicidio colposo stradale. L’inchiesta è ancora aperta, ma da quel poco che è trapelato sembra che, durante la fase di sorpasso, i due mezzi si siano toccati e siano sbandati nella corsia opposta causando così la morte della ragazza cadorina. 

LA VITTIMA
Sara Candeago abitava a Sottocastello (Pieve di Cadore) e aveva appena cominciato a lavorare alla “Trenti industria occhiali”, nella zona industriale Ansogne a Perarolo. Dopo una stagione estiva come cameriera aveva provato ad entrare nell’azienda cadorina, specializzata in assemblaggio di occhiali, e c’era riuscita. Giovedì mattina Sara è arrivata in azienda poco dopo le 8. Ha iniziato il turno e poi è uscita verso le 12. Nella pausa pranzo tra quest’ora e le 13.30 è avvenuto il primo incidente. Mentre stava tornando indietro verso la “Trenti industria occhiali”, per concludere le ultime 4 ore, è stata tamponata da un’auto. Nulla di grave, ne è uscita incolume, ma quell’incidente l’ha fatta tardare al lavoro. Poche ore ancora e alle 17.30 è uscita per l’ultima volta dall’azienda. Sul ponte Cadore, verso le 18, il secondo incidente: un’auto in sorpasso, proveniente dalla direzione opposta, ha invaso la corsia di Sara. 

LA TRAGEDIA
L’impatto è stato inevitabile e, questa volta, fatale. La 19enne cadorina è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso e lì è morta. L’incidente ha coinvolto quattro auto. Oltre alle due Mercedes e alla Renault Clio di Sara, anche una Opel Astra (condotta da N. H., 43enne croato). Ma l’inchiesta, almeno all’inizio, si era concentrata sull’automobilista che era finito contro la ragazza: si era ipotizzato un sorpasso azzardato, finito nella corsia opposta e poi lo scontro. Ora si scopre che gli indagati per omicidio colposo stradale sono due. All’origine dell’incidente ci sarebbe un comportamento imprudente da parte dei due automobilisti a bordo delle Mercedes. In fase di sorpasso si sarebbero toccati perdendo il controllo dei mezzi e provocando l’incidente mortale. La tragedia ha lasciato senza parole l’intera comunità di Sottocastello. Ed è proprio lì che alle 15 domani nella chiesa di San Lorenzo, si svolgerà il funerale della ragazza. A darne il triste annuncio la mamma Carla, il papà Bruno, i fratelli Anna, Emma, Vittorio, e la nonna Francesca. 

Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 10:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA