Marmolada, slitta l'apertura delle funivie per il ghiacciaio. Si scia a Cortina e ad Arabba

Martedì 6 Dicembre 2022 di Angela Pederiva
Marmolada, slitta l'apertura delle funivie per il ghiacciaio. Si scia a Cortina e ad Arabba

BELLUNO - L'imbiancata di queste ore non basta a far partire la stagione sciistica sull'intera Marmolada dal ponte dell'Immacolata. Come annunciato, ieri è stato fatto il punto sulla consistenza della neve ed è stato deciso di modificare le date sul sito del consorzio Dolomiti Superski, che fino a domenica prevedeva l'apertura da giovedì di tutti e cinque gli impianti. Al momento slitta al 22 dicembre l'utilizzo delle tre funivie che portano al ghiacciaio, mentre oggi verrà deciso se confermare da dopodomani il funzionamento della seggiovia e dello skilift.


GLI APPORTI

La spiegazione meteorologica è di Arpav: «Negli ultimi giorni sono caduti 25-35 centimetri di neve fresca a 2.000 metri nelle Dolomiti e a 1.600 metri nelle Prealpi con locali massimi di 45 centimetri. La quota neve/pioggia è stata variabile fra i 750 e i 1.700 metri di quota anche domenica e questo ha condizionato gli apporti di neve». Secondo i riscontri della stessa Agenzia regionale, a Ra Valles e cioè nell'area più alta di Cortina d'Ampezzo sono stati registrati 22 centimetri, a Passo Falzarego 20, sulle vette di Falcade ed Arabba 25, a Col dei Baldi in Val Zoldana 30. Ma in certi punti la temperatura è salita e così è caduta pioggia, come ad esempio a Malga Ciapela, che pure è situata a 1.400 metri.


LA VALUTAZIONE
Questo ha imposto una valutazione sul calendario, che ha portato al rinvio di un paio di settimane per le funivie Malga-Banc, Banc-Serauta e Serauta-Punta Rocca. «Fino a domenica sera puntavamo all'8 dicembre spiega Patrick Pomarè, direttore della società Marmolada ma per ora non ci sono le condizioni. Abbiamo così spostato tutto al 22 dicembre, tenendoci però di manica larga, nel senso che potremmo anticipare un po' se fossero confermate le nevicate previste per il prossimo weekend. Il fatto è che metà pista non dispone dell'innevamento artificiale e quindi c'è bisogno di uno strato naturale maggiore». Fino a ieri sera Dolomiti Superski annunciava ancora per l'8 dicembre il via dello skilift Campo Scuola e della seggiovia Padon, ma la decisione definitiva verrà presa oggi. «Non è sicuro che ce la facciamo per l'Immacolata precisa Marco Grigoletto, amministratore delegato di Sofma perché l'area è molto battuta dal vento. Comunque la pista è la stessa, per cui l'apertura dei due impianti scatterà insieme. Invece ad Arabba siamo già operativi grazie all'innevamento artificiale: facendo parte del Giro dei 4 Passi, abbiamo fatto uno sforzo in più per riuscire a preparare le piste. Il rincaro energetico è oggettivo, le bollette sono triplicate, anche se i decreti hanno bloccato i costi fissi. Ma in questo frangente dobbiamo sobbarcarci questo carico, altrimenti non ripartiamo più. Ad ogni modo come presidente di Anef Veneto posso dire che noi impiantisti stiamo discutendo con il Governo su ulteriori sostegni al settore».


IL CAROSELLO
Considerando l'intero carosello delle Dolomiti, attualmente sono attivi gli impianti Falzarego e 5 Torri nel comprensorio di Cortina e molti di quelli di Arabba: Porta Vescovo, Burz, Le Pale, Campolongo, Cherz 1, Lezuo, Maria, Fodom, Carpazza, Alpenrose, Arabba Fly e Portados. Fra gli altri, è inoltre funzionante Pecol/Pian del Crep nell'area del Civetta. Per chi volesse arrivarci con gli sci o a piedi, infine, l'8 dicembre riaprirà malga Federa a Cortina: la proprietà fa sapere che i 30 centimetri di coltre fresca «non sono ancora sufficienti per battere la pista con il gatto delle nevi».
 

Video

Ultimo aggiornamento: 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci