Dolomiti, stagione sciistica al via, ma non in pieno. Ripartono Arabba, Sellaronda, San Pellegrino, Civetta

Venerdì 2 Dicembre 2022 di Andrea Ciprian
Dolomiti, stagione sciistica al via, ma non in pieno. Ripartono Arabba, Sellaronda, San Pellegrino, Civetta
5

BELLUNO - Stagione sciistica al via sulle Dolomit​i. Dopo il comprensorio di Cortina, che come da tradizione ha anticipato tutti con l’apertura delle piste a Col Gallina (lì si scia dal 26 novembre), anche le altre stazioni invernali sono pronte a far girare per la prima volta gli impianti. Non si tratterà però di un’apertura in grande stile poiché le condizioni meteorologiche nei giorni scorsi non sono state favorevoli come si sperava: un po’ di neve è caduta dal cielo, ma è servita soprattutto a imbiancare il paesaggio, inoltre le temperature non si sono mantenute basse a livelli tali da tenere i cannoni sempre a pieno regime. Comunque, da domani e nei giorni successivi l’offerta di piste nei comprensori bellunesi del Dolomiti Superski si farà via via sempre più ampia, con l’obiettivo di regalare ai turisti un bel ponte di Sant’Ambrogio. Se a Cortina inizieranno a girare anche le seggiovie del Faloria (da oggi) e delle Cinque Torri (da domani) si potrà iniziare a sciare pure ad Arabba, sul San Pellegrino e sullo Ski Civetta. 


VALLE DEL FODOM
Nella valle di Fodom da domani sarà messo a disposizione degli sciatori già un buon numero di discese, inclusi i collegamenti del Sellaronda che consentono di spostarsi nelle vicine valli ladine, Alta Badia, Val di Fassa e Val Gardena. «Nonostante una situazione meteorologica non del tutto favorevole, siamo comunque pronti a iniziare bene la stagione – dice Diego De Battista, presidente del consorzio impianti a fune Arabba Marmolada -. Le perturbazioni giuste, quelle che portano neve e temperature rigide e costanti, non sono ancora arrivate. Comunque sono ormai settimane che abbiamo attivi gli impianti di innevamento e ciò ci ha permesso di preparare le piste su più versanti. Cominciamo quindi con una valida offerta di piste, garantendo i collegamenti dello skitour Sellaronda. Poi, di giorno in giorno, apriremo altri tracciati puntando ad arrivare alle feste di Natale con il comprensorio aperto nella sua completezza». Quindi, da questo fine settimana gli appassionati di sci potranno divertirsi a Porta Vescovo, nelle zone del Burz e del Cherz e sui passi Pordoi e Campolongo. Sul versante di Malga Ciapela la seggiovia del Padon e la funivia della Marmolada dovrebbero essere messe in funzione l’8 dicembre, il collegamento con Arabba però sarà percorribile più avanti. 


COL MARGHERITA
Domani comincia la stagione anche nella ski area San Pellegrino. Come da consuetudine il primo impianto azionato sarà la funivia che sale dal passo fino a Col Margherita con l’apertura contestuale della pista La Volata, l’impegnativa “nera” dove ogni anno si allenano i campioni dello sci. Verranno fatte girare anche le seggiovie Costabella e Del Passo con l’accesso alle omonime piste sul passo San Pellegrino, per un totale di 6 chilometri di tracciati a disposizione degli sciatori. Per la cabinovia che sale da Falcade e per la seggiovia che prosegue fino a Laresei l’accensione invece è prevista l’8 dicembre, salvo poter anticipare in caso di condizioni meteo propizie. 


COMINCIA ZOLDO
Sullo Ski Civetta sarà Zoldo la prima località ad accogliere i turisti: da domani saranno infatti in funzione la cabinovia che porta da Pecol a Pian del Crep e lo skilift del campo scuola. In forse l’apertura immediata della seggiovia in località La Grava: è praticamente tutto pronto, basterebbe una nottata con le temperature rigide per ultimare la preparazione della pista. Preparazione ultimata invece per la panoramica Lendina. Nelle altre zone del comprensorio si sta lavorando in modo da proporre un’ampia gamma di piste per il ponte di Sant’Ambrogio: Alleghe, Palafavera e Selva di Cadore per ora indicano nell’8 dicembre il giorno di inizio della stagione. Ovunque si guarda al cielo e al termometro: se le precipitazioni annunciate dovessero rivelarsi sufficienti e se arrivasse una bella ondata di freddo, i tempi per le nuove aperture verrebbero di conseguenza accelerati. 
 

Ultimo aggiornamento: 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci