Multata perché il timbra-biglietti non funzionava: è sbagliato il rapporto tra cittadini e chi eroga i servizi

PER APPROFONDIRE: guasto, multa, timbra biglietti
Egregio Direttore, 
oggi pomeriggio, dopo una visita ad amici, sono arrivata alla stazione ferroviaria di Terme Euganee Abano Montegrotto per prendere il regionale delle 18.34 diretto a Venezia. Appena in tempo, infatti il treno era già stato annunciato. Al binario mi sono accorta di non aver obliterato il biglietto che avevo già acquistato la mattina e allora per rimediare sono scesa nel sottopassaggio dove c'era l'obliteratrice più vicina, ma quella non funzionava. Non intendevo perdere il treno così sono ritornata subito al binario e appena prima di salire ho scritto a penna sullo spazio dedicato del biglietto: Timbratura ore 18.32 Terme Euganee Abano Montegrotto. Il treno era molto affollato ma ho trovato comunque un posto libero e lì mi sono fermata. Dopo Mestre è comparso un giovane e compassato controllore e io ho estratto dalla borsa il biglietto facendogli notare che lo avevo annullato manualmente e spiegandogli i motivi. Mi ha indicato come sul biglietto sia scritto che in tali casi il passeggero debba cercare sul treno un addetto e farselo obliterare, pena la multa. Multa di 30 euro che nonostante le mie rimostranze mi è stata appioppata senza indugio e che ho pagato subito per non avere poi maggiori complicanze. E pare sia stata anche fortunata perché se mi avessero beccata prima la multa sarebbe stata di ben 75 euro (chissà quanto dovrebbe pagare chi è senza biglietto...). No comment. Però mi rammarico che le regole - spesso vergognosamente disattese in tante situazioni molto più importanti - vengano talvolta applicate bovinamente e senza lasciare il minimo spazio a una delle doti più preziose che abbiamo: il buon senso. Ahimè.


Antonella Alberti
Lido di Venezia



Cara lettrice,
mi sembra che non sia mancato solo il buon senso. La sua vicenda è anche sintomatica di un errato concetto del rapporto tra cittadini e società erogatrici di servizi. Se la macchina che deve convalidare il biglietto è rotta la colpa è di Trenitalia, non sua. Paradossalmente chi deve essere eventualmente sanzionato è la società che non ha fornito un servizio adeguato, non il cliente che quel servizio ha correttamente pagato. Come spesso accade siamo di fronte a un'inversione di ruoli e di responsabilità. Chi ha sbagliato non solo non paga e neppure si scusa, ma si sente in diritto di multare la vittima del suo errore. E lo fa applicando discutibili regole che lui stesso ha creato per rimediare alle proprie inefficienze.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 2 Gennaio 2019, 14:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Multata perché il timbra-biglietti non funzionava: è sbagliato il rapporto tra cittadini e chi eroga i servizi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2019-01-06 18:32:47
ma se sul biglietto e' scritto CHIARAMENTE cosa fare quando la "obliteratrice" non funziona (avvisare il personale di bordo), di che si lamenta questa?
2019-01-03 14:26:56
Non sono assolutamente d'accordo con il direttore. Le validatrici, specie nelle piccole e piccolissime stazioni, talvolta non funzionano. Nei biglietti di Trenitalia e' scritto espressamente come ci si deve comportare in questi casi: appena si monta sul treno si cerca il controllore e gli si fa vidimare il biglietto. La signora non lo ha fatto. E il direttore le da' anche ragione.
2019-01-03 13:29:59
@nicola B. Egr. Forse è perchè viaggio più di lei che si fa 10 carrozze per trovare il capotreno o il conduttore. Leggere è la prima cosa che bisogna fare, torno a ripetere via la testa bassa sullo smarphone e guardarsi attorno, in stazioni i cartelli che indicano l'orario del treno portano il numero, la composizione, la carrozza del caoptreno, controllore. (gialli per le partenze da...a... bianchi per gli arrivi da...Se so che non ho potuto annullare il titolo di viaggio salgo sulla carrozza dove sono sicuro di trovare uno dei due. Se prpopri voglio usare il web all'interno trovo orario composizione del treno, numero di carrozze, carozza del capotreno controllore. Ah già la testa si usa sui social o suo giochini tutto quello che sta attorno? Non interessa. Sono sempre più convinto che dobbiamo riconsiderare come stare al mondo, rispettando gli altri il lavoro degli altri e la cosa pubblica. Basta lamentele o scusanti. Cinquanta anni fa qualcuno ha detto:- non chiedere cosa può fare l'America per te, chiediti cosa tu puoi fare per l'America. Ecco cambi la nazione sulla frase e andremo tutti meglio!
2019-01-03 09:11:35
Mi spiace egr. Direttore ma non sono d'accordo con il suo ragionamento. Due le motivazioni principali, la prima qualsiasi mezzo meccanico elettronico si può rompere senza preavviso, e visto il numero di obbliteratrici nelle stazioni è pressoché impossibile controllare in tempo reale. Infatti, questo si evince dal suo ragionamento, controllo sistematico e puntuale quasi in tempo Live. Secondo quando si sale su un mezzo pubblico si fa un contratto di trasporto che ha delle regole e vanno rispettate sia dalla compagnia sia del viaggiatore, tra queste la regola di comunicare nel più breve tempo possibile al personale viaggiante le anomalie ed eventuali problemi, regole che non valgono solo in Italia ma nell'intera europa/mondo occidentale. Il controllore ha fatto il suo lavoro non ha fatto nulla bovinamente come lei sostiene ha semplicemente ricordato alla passeggere che doveva comunicarle il problema, poi poteva tranquillamente sedersi ed aspettare il suo arrivo. Infine, per quelli che lo stato......noi siamo il paese dei furbi e troviamo sempre la parola, il modo per cercare una scusa anche quando le cose le sappiamo e facciamo finta di nulla. Ultimo nei treni c'è scritto dove trovare il capotreno o il conduttore per qualsiasi emergenza. Come è normale se lei frequenta Venezia trovare qualche imob non funzionante, entrato in vaporetto basta dirlo a marinaio che la ringrazia e procede all'aunullamento del titolo di viaggio. Immagino che per molti la fatica più grande ora sia quella di alzare gli occhi dallo smartphone e leggere.....ma proprio il suo possesso può significare che non poteva non sapere.
2019-01-03 12:41:02
lei non ha mai preso un treno .. vero ?? .... la caccia al controllore è una delle cose piu simpatiche che possono capitare ... non si trova mai quando serve ... oltre al fatto che non capisco perchè devo dannarmi io a fare a piedi 10 vagoni, andata e ritorno per cercarlo .....ma Lei ovviamente ragiona stando seduto comodo a casa o nella sua auto ...