Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Parcheggiava nel posto riservato senza pass: tolta la multa di 165 euro alla disabile

Martedì 7 Giugno 2022 di Maria Elena Pattaro
Il posteggio in piazza Pola
4

TREVISO - Aveva dimenticato di esporre sul cruscotto il pass per disabili e così l’auto era stata rimossa da piazza Pola. A nulla era valso spiegare che si trattava di una semplice dimenticanza: la polizia locale le aveva staccato un verbale da 165 euro e 4 punti decurtati dalla patente. Ma Stefania Paoletti, 44enne disabile trevigiana, non si è arresa e ha fatto ricorso. E ha vinto la causa: ieri mattina il giudice di Pace di Treviso le ha dato ragione. «Più che la giustizia ha prevalso il buon senso - afferma l’avvocato Fabio Capraro, che aveva deciso di rappresentarla a titolo gratuito -. Dispiace che l’amministrazione comunale abbia perso l’occasione per annullare la sanzione in autotutela nel momento in cui la signora ha dimostrato di essere munita del contrassegno e di parcheggiare da anni nello stesso posto». Giustizia è fatta quindi. «Spero che il Comune non faccia appello e che la storia finisca qui senza scomodare oltre il tribunale» - conclude il legale. 


IL RACCONTO

La vicenda prende inizio il 25 febbraio scorso, quando Paoletti torna a casa dal lavoro verso l’ora di cena. «Avevo mal di testa e non vedevo l’ora di tornare a casa mia - racconta la 44enne -. Ho parcheggiato e mi sono dimenticata di esporre il pass disabili che avevo nel cassetto della portiera. L’indomani scendo per andare a trovare i miei genitori ma l’auto, una Mazda 2 color prugna, non c’era più». La donna credeva fosse stata rubata, così chiama per fare denuncia. La polizia locale, però, le comunica che era stata portata via dal carroattrezzi perché non aveva il contrassegno per i disabili. «È in deposito all’Autosoccorso Veneto lungo la Pontebbana» le dicono gli agenti. Così la 44enne, il giorno successivo, paga 145 euro e riporta a casa la sua auto. Tutto finito? No. Qualche giorno più tardi la polizia locale di Treviso le recapita un verbale per la sosta vietata in uno spazio riservato ai disabili: 165 euro di multa (115 se pagata entro 5 giorni) e 4 punti in meno sulla patente.


LA TRAFILA

La donna così decide di andare negli uffici di via Castello d’Amore per farsi cancellare la sanzione. «Credevo che mostrando il pass disabili e il permesso per la ztl tutto si sarebbe risolto. Mi ero presentata serena, chiedendo anche scusa per la mia dimenticanza». Stando al racconto della 44enne, dagli uffici della polizia locale le venne detto di inviare la richiesta di annullamento della multa via mail allegando sia il pass disabili che il permesso per circolare nelle zone a traffico limitato. «La risposta le arriverà entro 20 giorni» le dissero. Stefania Paoletti esegue e attende riscontro. Che arriva però come una doccia fredda: impossibile cancellare la sanzione in autotutela. «Nella comunicazione c’era scritto che per chiedere la cancellazione della multa avrei dovuto rivolgermi alle autorità competenti: il giudice di pace entro 30 giorni o la prefettura entro 60». E così ha deciso di avviare l’azione legale, che si è conclusa con una vittoria.

Ultimo aggiornamento: 07:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci