«Non si può fare più nulla, le resta poco da vivere»: bufera sul medico

PER APPROFONDIRE: medico, oncologia, pasiente, treviso
«Non si può fare più nulla, le resta  poco»: bufera sul medico oncologo

di Lucia Russo

TREVISO - «Non si può fare più nulla, le resta poco da vivere». Queste le parole che un medico oncologo avrebbe rivolto a un paziente ricoverato in fase terminale in un ospedale della provincia.

CASO LIMITE IN USA Il robot entra nella camera dell'ospedale e dice al paziente: «Stai morendo, non tornerai a casa» Video

«Quello che è successo è imperdonabile si legge in una lunga corrispondenza tra il primario del reparto e un cittadino - durante l'orario delle visite il dottore è entrato in stanza, e sgarbatamente, come sempre, mi ha chiesto di uscire e di rimanere solo con mio padre. Finito l'incontro, sono rientrato assieme ad un suo amico e dalla bocca di mio padre sono uscite le seguenti parole: La malattia è avanzata velocemente, non si può fare più nulla. Io le ho chiesto quanto tempo ho da vivere e ha risposto di non avere una macchinetta in grado di misurare il tempo».

Stando a quanto riportato dal cittadino, il padre è caduto in uno stato di profonda disperazione e sconforto causato proprio dalle parole del dottore. «Non starebbe a noi sottolineare la serietà professionale di un medico che dovrebbe garantire in ogni modo la qualità della vita e del passaggio alla morte di tutti i suoi pazienti», si legge. 
LA SEGNALAZIONE«Altri medici sono stati umani ma in questo caso chiediamo l'immediato allontanamento del dottore dal padre e dalla famiglia. Non vogliamo avere più a che fare con lui». Sulla questione è stato subito informato, il diretto generale dell'Usl 2 Francesco Benazzi. «Ho immediatamente chiesto ai dirigenti dell'ospedale di fare una relazione sulla questione e lunedì, contatterò il diretto interessato, i dirigenti e il responsabile del reparto spiega Va detto che noi deontologicamente siamo obbligati ad informare il paziente della propria diagnosi qualora lui lo richieda e sia lucido. E' chiaro però che c'è modo e modo di dire le cose. Si può dire lei ha un tumore e morirà oppure dire ha un tumore ma noi le daremo una mano, le staremo vicino e informare il paziente sul percorso che si andrà a fare. Il medico non poteva nascondere al paziente di avere un tumore. Però l'umanizzazione è molto importante, tutti dovrebbero fare una medicina umanizzante che prevede il ti dico la verità e ti accompagno nel percorso in maniera empatica». 
I DUBBISulla corrispondenza viene però messo nero su bianco che, il paziente non aveva chiesto la diagnosi e nemmeno l'allontanamento dei famigliari durante la comunicazione di questa da parte del medico. «Andrò a verificare afferma Benazzi Se è la consuetudine di questo medico mi dispiacerebbe molto. Io devo chiedere al paziente se vuole che la persona rimanga o meno quando devo comunicare la diagnosi. Il codice deontologico ci impone la privacy, forse il medico ha saltato dei passaggi per fretta ma devo andare in fondo alla questione, non voglio mettere croci sulle persone prima di aver appurato i fatti. La prossima settimana cercherò di chiarire la questione di persona con il medico, il dirigente del reparto e dell'ospedale». Allarmato anche il presidente della Provincia Stefano Marcon. «Se la situazione venisse confermata credo sia doveroso intervenire - afferma - un comportamento simile andrebbe a screditare tutto il lavoro volto all'umanizzazione dei pazienti svolto dagli altri operatori sanitari». 

© riproduzione riservata 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 9 Marzo 2019, 11:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Non si può fare più nulla, le resta poco da vivere»: bufera sul medico
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 40 commenti presenti
2019-03-09 12:46:36
..ma al di là dei modi, cosa doveva dire il medico ? Che stava bene ed era guarito? Doveva dirlo al figlio? ...ma attenzione che non sappiamo che consensi o meno abbia dato il paziente per la privacy.
2019-03-09 12:23:27
X mistolino , il problema NON penso sia il fatto che ha detto la verità ma il modo , che sta nel modo di agire ( nel senso che sarebbe stato meglio ci fossero stati i familiari) e magari avesse avuto un po’ più di tatto ,
2019-03-10 13:18:52
Queste notizie vengono spesso strumentalizzate per mettere in cattiva luce i medici... ricordatevi quanti sono guariti o vivi grazie a loro, persone che fino a qualche decennio fa erano già al' altro mondo ( e nessuno diceva niente né denunciava )
2019-03-09 15:56:47
Un medico eticamente onesto è quel che mi auguro nello stesso caso. Non voglio falsi pietismi e vane speranze. Un medico non è un confessore. DEVE - per onestà di professione - dirti la verità. Spero che quando sarà la mia ora, ci sia un medico come questo che non mi riempia di false promesse e finta compassione.
2019-03-09 16:13:17
@Jeremia: Sono d'accordo. Togliere la consapevolezza degli ultimi momenti ad un malato terminale, cosi che possa gestirseli come vuole, e' sbagliato. Il malato perderebbe per sempre tutto, la possibilita' di salutare i cari, di apprezzare i momenti, di scegliere. Serve solo a far star meglio i parenti.