Resti e riparti, Ilaria con soli 80 voti
diventa consigliere regionale

Martedì 2 Giugno 2015
Ilaria Padoan nel suo volantino elettorale
30

CHIOGGIA - C’è chi rimarrà a casa pur avendo rastrellato oltre tremila preferenze e chi, con appena 80 crocette sul proprio nome, ha ottenuto un seggio in Consiglio regionale. Capita a Ilaria Padoan, medico chioggiotto di 37 anni, che grazie alla legge elettorale regionale, al meccanismo del riparto dei voti e al calcolo dei resti, è risultata eletta, essendo la candidata più votata della lista Indipendenza "Noi Veneto" collegata al governatore uscente Luca Zaia.

Con lei fanno festa altri due esponenti chioggiotti che - stando ai dati non ancora ufficializzati dal Consiglio regionale - hanno ottenuto il sospirato pass per Palazzo Ferro Fini: si tratta di Massimo Mancini, esponente di Area Popolare-Ncd, e di Erika Baldin, candidata del Movimento 5 Stelle.

A bocca asciutta invece Venezia e Mestre che non hanno ottenuto alcun rappresentante nel nuovo Consiglio regionale.

Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA