Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Emergenza idrica, a Treviso nessuna ordinanza per il risparmio. Conte: «Abbiamo messo dei rubinetti alle fontanelle»

Martedì 28 Giugno 2022
Video

TREVISO - L’allarme siccità non accenna a fermarsi e a farne le spese è anche la città di Treviso. La situazione non è ancora critica come altrove nella Marca, tanto che il sindaco Mario Conte non ha ancora emesso alcuna ordinanza di contingentazione dell’acqua ad uso pubblico/privato, ma l’attenzione rimane comunque elevata. «Ci sono interventi fondamentali per contrastare la dispersione idraulica, indipendentemente dalle situazioni di emergenza legate alla siccità – fa sapere il primo cittadino trevigiano - Dal 2018 a Treviso sono stati posati 30 chilometri di nuove linee di acquedotto e 16 chilometri di fognature. Inoltre, in città sono attive 143 fontane, di cui ben 92 in centro storico a servizio di tutta la cittadinanza. Per evitare sprechi, però, già da tempo abbiamo deciso di installare dei rubinetti in quasi tutte le fontane, evitando così il “getto continuo” per anche un risparmio in bolletta visto il difficile periodo economico che stiamo vivendo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci