Operaio 26enne fulminato sui cavi dell'alta tensione: condizioni disperate

Operaio 26enne fulminato sui cavi dell'alta tensione: condizioni disperate

di Luca Pozza

MARANO VICENTINO - Sono disperate le condizioni di un operaio di 26 anni, M.C., residente a Valli di Pasubio, che nel pomeriggio di oggi, poco prima delle 17, è rimasto folgorato mentre stava lavorando a Marano Vicentino, in via Roma, su un traliccio. Secondo una prima ricostruzione, il giovane si trovava su una piattaforma aerea, all’interno del cestello di una gru mobile che, per cause in corso di accertamento, avrebbe inavvertitamente urtato i cavi dell’alta tensione, rimanendo fulminato da una scarica di almeno 10 mila volt.

L'operaio è rimasto dentro il cestello, esanime. Solo i vigili del fuoco del distaccamento di Schio, arrivati sul posto con l'autoscala, hanno potuto raggiungerlo e prestargli le prime cure, in contemporanea ai medici dell'ospedale di Santorso. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime, anche per il fatto che una vasta parte del corpo risulta essere stata colpita dalla scarica elettrica: per questo motivo è stato immediatamente fatto alzare in volo l’elisoccorso del Suem 118 che ha raggiunto la zona in pochi minuti. Il 26enne si trova ora ricoverato nel reparto Grandi ustioni dell’ospedale Borgo Trento di Verona, dove i medici stanno tentando l'impossibile per salvarlo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Ottobre 2018, 18:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Operaio 26enne fulminato sui cavi dell'alta tensione: condizioni disperate
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-10-18 10:20:12
la ditta per cui lavora lo ha formato?
2018-10-18 08:44:34
Attenzione con gli autocesti, bisogna saperli usare. E non serve neanche urtare i cavi, basta solo andargli vicino....
2018-10-18 08:34:28
La distanza minima dalle linee a 10 kV è di 3.5 metri. A 3 kV 3 metri, poi da 132 kV in su 5 - 7 metri. È ora e tempo che le associazioni di categoria, facciano formazione ai loro addetti. Poi in tutte queste piattaforme, dovrebbe esserci una bella scritta con le distanze minime dalle linee in tensione. In casi particolari, si può contattare il gestore e programmare il fuori servizio della linea. Purtroppo questo tipo di incidenti capita spesso, poi il collega che era rimasto a terra nel caso fosse rimasto a contatto col furgoncino, sarebbe rimasto coinvolto pure lui. Un mini corso di un'ora può evitare che capiti ancora.
2018-10-18 06:47:35
Auguri allo sfortunato ragazzo.
2018-10-18 06:25:50
Ilmiocommentoeraironico.Si sa che non e' vero...le cronache delgazzettino ed altrigiornali e tg, dovrebebroservire anche da campanello di allarme.Purtroppoa volte nonostante sisapiiae sisti aatennti, lostessoincidente accade convarianti impreviste ed imprevedibili.Qundi solo perizia tecnica puo' spiegare.L'ideale e' laprotezion epassiva ..ch eagisce senza operazioni volontarie. Personalmente ho decisodiusare sempre visiera diplexiglassspeciale se taglioelegno..infatti alcuni giorni fa unarottura di lama di traforo elettrico..ha proroiettato un pezzo di metallo in aria..sfiorandomi gli occhiali ed il viso.Il manuale non elencAva tutti i possibili guasti..diceva solo SEMPRE PROTEGGERSI OCCHI.