Rugby, Sei Nazioni femminile: l’Italia vince in Irlanda (27-21) per la prima volta nella storia

Il successo vale 5 punti e il terzo posto in classifica dopo 2 giornate, dietro soltanto a Inghilterra e Francia

Domenica 31 Marzo 2024
Rugby, Sei Nazioni femminile: l’Italia vince in Irlanda (27-21) per la prima volta nella storia

L'Italia femminile del rugby è nella storia.

Prima vittoria in Irlanda: a Dublino le Azzurre si sono imposte 27-21 dopo una partita dominata per larghi tratti e un finale però tesissimo, con la meta di Corrigan a riaprire una partita che al 78′ sembrava chiusa. Ancora una volta è la difesa a decidere la partita, con l’Italia che tiene bene e sigilla il successo con il turnover di Veronese. La squadra di Raineri conquista anche il bonus offensivo grazie alle mete di Vecchini (doppietta e player of the match), Fedrighi (prima marcatura internazionale per lei) e Muzzo. Il successo vale 5 punti e il terzo posto in classifica dopo 2 giornate, dietro soltanto a Inghilterra e Francia.

La cronaca di Irlanda-Italia

Il primo pericolo arriva dall’Irlanda, Parsons evita il placcaggio di Ostuni Minuzzi e si invola sul lato sinistro, poi gran carica avanzate di Hogan dentro i 22. Le Azzurre tengono bene in difesa e Turani conquista un turnover importante. La squadra di casa insiste con O’Brien che con un calcio passaggio cerca Corrigan a destra, Ostuni Minuzzi la anticipa ma è costretta a portarsi il pallone in area di meta. L’Irlanda continua a spingere, allarga il gioco e l’estremo delle Azzurre intercetta a una mano il passaggio al largo di Parsons verso Corrigan, la direttrice di gara Hollie Davidson fischia l’avanti volontario e opta per la decisione più severa: giallo e meta tecnica, 7-0 per le padrone di casa.

I 10 minuti di inferiorità numerica sono durissimi per l’Italia, che deve reggere la furiosa pressione irlandese ma è molto brava a non concedere punti, nonostante perda anche Turani per un colpo al volto (al suo posto Maris) e Sgorbini per una ferita sanguinante (dentro Veronese). La neoentrata Gaia Maris si fa valere contro Haney in mischia e guadagna due calci di punizione di fila che permette alle Azzurre di entrare per la prima volta nei 22. Rigoni va in rimessa laterale, Fedrighi riceve il lancio di Vecchini e innesca la maul italiana, avanzante e finalizzata proprio dalla tallonatrice del Valsugana. Sulla trasformazione Rigoni è sfortunata, calcia bene ma colpisce la traversa e il pallone rimbalza fuori.

Dall’altra parte l’Irlanda rinuncia ai pali da posizione agevole, O’Brien non trova però la rimessa laterale e alla fine l’Italia riconquista l’ovale con un calcio di punizione a favore. L’Italia risponde, torna in attacco e completa la rimonta: primo break di Alyssa D’Incà che mette le Azzurre sul piede avanzante, poi strepitosa carica di Tounesi che si porta dietro 3 avversarie e arriva corta di pochissimo. Ci pensa Valeria Fedrighi a finalizzare con la carica del 12-7 con trasformazione di Rigoni. È la prima meta in azzurro per la seconda linea dello Stade Toulousain, al 52esimo cap, sempre tra le migliori con tanto lavoro sporco.

La squadra di Raineri cambia marcia: gran break di Muzzo sul lato sinistro, poi bel calcio di Madia che mette in difficoltà Delaney, costretta a ripartire dalla propria area di meta e bel placcata da D’Incà. Arriva velocissima Vecchini che conquista il tenuto che vale il calcio del 15-7, punteggio con il quale finisce il primo tempo a Dublino.

L’Irlanda inserisce Fowley, apertura titolare contro la Francia, e tiene dietro O’Brien giocando quindi con una doppia apertura, e ricomincia il secondo tempo in attacco: le avanti fanno strada e creano la superiorità numerica al largo, O’Brian e Fowley aprono su Parsons che però perde clamorosamente in avanti l’ovale con un’autostrada davanti. Dopo lo scampato pericolo l’Italia accelera di nuovo e trova la terza meta: una strepitosa D’Incà riparte dai propri 22, apre in due la difesa irlandese e arriva fino ai 22 avversari. Muzzo e poi le avanti azzurre danno seguito all’azione, e alla fine Vecchini trova la gran carica per il 22-7 con trasformazione di Rigoni.

L’Irlanda si affida ancora una volta alla propria fisicità per riaprire la partita, conquista un calcio di punizione che vale una touche a 5 metri dalla linea di meta dell’Italia. La maul è avanzante e Neve Jones finalizza per il 22-14 con trasformazione di O’Brien. La reazione azzurra però è immediata, con un bellissimo break di Arrighetti dalla base del raggruppamento: la numero 8 azzurra arriva corta, poi Madia allarga su Muzzo che segna, ma Davidson – dopo un controllo con il TMO – considera in avanti il passaggio dell’apertura italiana. Muzzo però si ripete al 68′, riceve ancora un altro pallone al largo e vola in bandierina, e questa volta è tutto buono: l’Italia porta a casa anche il bonus offensivo.

Negli ultimi 10 minuti l’Irlanda prova a riaprire la partita, Veronese salva con un grandissimo placcaggio su Parsons, che sembrava potersi involare verso la meta. Al 78′ però le irlandesi tornano sotto con Corrigan, che intercetta un passaggio di Rigoni e vola in mezzo ai pali per il 21-27. Il finale è tesissimo, l’Irlanda ritorna in attacco a preme costantemente nei 22 italiani: la difesa della squadra di Raineri tiene nonostante la grande pressione, poi Veronese con un turnover riconquista l’ovale che vale il primo successo dell’Italia in terra irlandese.

Dublino, RDS Arena – domenica 31 marzo 2024

Guinness Women’s Six Nations, II giornata
Irlanda v Italia 12-27

Marcatrici: p.t. 7’ m. punizione Irlanda (7-0); 24’ m. Vecchini (7-5); 30’ m. Fedrighi tr. Rigoni (7-12); 36’ cp. Rigoni (7-15); s.t. 17’ m. Vecchini tr. Rigoni (7-22); 22’ m. Jones tr. O’Brien (14-22); 28’ m. Muzzo (14-27); 38’ m. Corrigan tr.O’Brien (21-27)
Irlanda: Delany (10’ st. Fowley); Corrigan, Higgins, Breen (18’ st. Dalton), Parsons; O’Brien, Reilly (17’ st. Scuffil-McCabe); Hogan, Wafer, Moore (14’ st. Tuite); Monaghan (cap), Wall (26’ st. Corri); Haney (23’ st. Mcgrath), Jones, Djougang
all. Bemand
Italia: Ostuni-Minuzzi; Muzzo, Rigoni, Stevanin (32’ st. Granzotto), D’Incà; Madia, Stefan (cap); Arrighetti, Sgorbini (11’ pt. Veronese), Tounesi (29’ st. Locatelli); Duca, Fedrighi; Seye (32’ st. Gai), Vecchini, Turani (14’ pt. Maris)
all. Raineri
arb. Davidson (Scozia)
Cartellini: 7’ pt. giallo Ostuni-Minuzzi (Italia)
Calciatrici: Rigoni (Italia) 3/5
Guinness Player of the Match: Vecchini (Italia)
Note: 6605 spettatori, record per un incontro femminile in Irlanda. 

Ultimo aggiornamento: 18:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci