Una perla del "suo" Ronaldo fa volare il Padova ai playoff nazionali

Lunedì 6 Luglio 2020 di Pierpaolo Spettoli
Una prodezza di Ronaldo regala al Padova successo e approdo al primo turno della fase nazionale dei play off. Davvero una magia quella del capitano che consente ai biancoscudati di restare in corsa per la promozione in serie B. Lascia sul posto due avversari e realizza con un destro imprendibile sotto l'incrocio dei pali, festeggiato da tutti i compagni. E dire che alla vigilia Ronaldo non era al meglio per una botta rimediata con la Sambenedettese, sfida nella quale era già stato il migliore in campo. Ma un plauso lo merita tutta la truppa di Mandorlini che ha dimostrato organizzazione e grande solidità uscendo alla distanza e meritando il successo. Adesso tornerà in campo giovedì in trasferta e per conoscere il nome dell'avversario bisogna attendere il sorteggio di oggi: di fronte avrà una tra Renate, Carpi, Monopoli, Potenza e Juventus under 23.

I CAMBI
Rispetto all'undici proposto con la Sambenedettese sono quattro le novità: in difesa Frascatore, al rientro dalla squalifica, rileva Baraye sulla sinistra, nella linea mediana Buglio prende il posto di Mandorlini, davanti spazio a Soleri che agisce come punta centrale e a Culina terzo di sinistra. In mezzo al campo Hallfredsson agisce davanti alla difesa, con Ronaldo mezzala destra. Buona parte del primo tempo è una fotocopia di quello visto martedì sera con i marchigiani. Ritmo non elevato, emozioni centellinate e tatticismo che prevale da entrambe le parti. Il Padova comunque è ben disposto sul campo, con le giuste distanze tra i reparti. Quando ha palla tra i piedi però manca un po' di velocità. Ecco allora che l'assolo di Ronaldo a metà frazione è il primo guizzo, disinnescato dall'ultimo difensore. È poco prima dell'intervallo che la sfida si accende. Sul cross tagliato di Zambelli è brivido, ma Scarsella commette fallo su Pelagatti. Due minuti e sulla sponda aerea di Caracciolo, Scarsella in rovesciata non trovare la porta. Nell'occasione però Caracciolo è ammonito per l'intervento su Kresic, che prosegue la gara con una vistosa fasciatura sulla testa. I biancoscudati comunque rispondono e sfiorano il vantaggio quando Buglio premia il taglio ad accentrarsi di Culina che esplode il destro con sfera che sorvola di poco la traversa. Subito nel vivo la ripresa, aperta dal destro piazzato di Caracciolo che Minelli devia sulla sua sinistra in angolo. Ad andare più vicino al gol però è ancora il Padova, questa volta sugli sviluppi di una punizione di Hallfredsson che pesca Nicastro tutto solo sul secondo palo, ma l'attaccante cicca con il mancino e De Lucia si salva. Arrivano anche i primi cambi per i biancoscudati: dentro Mandorlini e Zecca, fuori Buglio e Culina. La Feralpisalò trova il gol con Rinaldi, ma è fuorigioco.
IL GOL
È invece valido il vantaggio del Padova, autentica prodezza di Ronaldo: salta due uomini, il primo lasciandolo sul posto e il secondo di slancio, entrando in area e insaccando con un destro sul primo palo sotto l'incrocio dei pali. Tutto molto bello. Ora Mandorlini inserisce anche Cherubin (fuori Nicastro) passando a una difesa a cinque, mentre Nunes rimpiazza Ronaldo, l'eroe della serata. I biancoscudati sono più che mai in fiducia e vanno anche vicini al raddoppio, ma Soleri è in ritardo per un soffio sull'invito di Zecca. C'è spazio nel finale anche per Castiglia, anche se ormai il Padova è padrone del match e al triplice fischio può gioire.
  Ultimo aggiornamento: 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA