IL BOLLETTINO
PORDENONE «I dati del Friuli Venezia Giulia sono sicuramente

Giovedì 28 Gennaio 2021
IL BOLLETTINO PORDENONE «I dati del Friuli Venezia Giulia sono sicuramente

IL BOLLETTINO
PORDENONE «I dati del Friuli Venezia Giulia sono sicuramente in linea con la zona gialla. La scelta non è nostra, ma ipotizzo che sia così. In settimana sentirò il ministro Speranza». Parole, queste, pronunciate ieri dal presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga. Ma lo stesso Fedriga, poche ore dopo, ha precisato che solo sulla base dei numeri il Fvg sarebbe da zona gialla, mentre la realtà probabilmente sarà diversa: l'arancione, infatti, potrebbe e dovrebbe durare almeno sino a domenica 7 febbraio, «perché servono tre settimane», ha confermato lo stesso Fedriga. E così è andata anche in autunno, quando la zona arancione era durata dal 15 novembre al 6 dicembre. Appunto tre settimane. Nonostante i dati da zona gialla (secondo le parole di Fedriga), quindi, è più concreta la possibilità di consolidare l'arancione ancora per dieci giorni.
I NUMERI
Il Fvg nella settimana tra il 18 e il 24 gennaio (quella che sarà presa in esame dall'Istituto superiore di sanità) ha visto i contagi calare del 21 per cento rispetto ai sette giorni precedenti. L'incidenza su 100mila abitanti (considerato il parametro usato dall'Iss, che prende in esame le persone sopra i 55 anni) è a 244 casi su 100mila abitanti (ancora alta), ma diminuiscono ancora i nuovi focolai, ed è un dato importante. La discesa dei ricoveri sta facendo calare leggermente la pressione sugli ospedali, che però resta ancora elevata. Probabilmente sarà per questo che il Fvg sembra destinato a rimanere ancora in zona arancione.
I DATI DI IERI
In Fvg il tasso di contagio in relazione ai tamponi ieri è rimasto stabile al 5,2 per cento (martedì era al 5,3). Sul territorio sono stati trovati 584 casi (360 da tampone molecolare e 224 da test antigenico) su un totale di 11.068 esami, tra molecolari e rapidi. Si tratta in questo caso del record del 2021. In provincia di Pordenone 152 nuovi contagi, in quella di Udine 265.
Tornano a calare in modo sensibile e netto i ricoveri in ospedale: in Area medica ci sono 646 pazienti (22 in meno) e 61 in Rianimazione, tre in meno rispetto all'ultima rilevazione. I totalmente guariti sono 50.287, i clinicamente guariti salgono a 1.520, mentre scendono le persone in isolamento che oggi risultano essere 10.685. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 65.524 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.212 a Trieste, 28.790 a Udine, 14.801 a Pordenone, 7.920 a Gorizia e 801 da fuori regione.
I DECESSI
Resta alto il bilancio delle vittime, che ieri sono state 26 (un decesso però è del 27 dicembre), sette delle quali in provincia. Ad Azzano addio al 93enne Ennio Facca, mentre a San Vito sono morte la 90enne Lucia Tracanelli e l'87enne Renza Bombardella. A Vajont non ce l'ha fatta l'87enne Maria Pia Cannas. Addio anche a un uomo di 90 anni di Spilimbergo. A Fiume Veneto è morta la 69enne Maria Angela Gardin. Era però totalmente asintomatica rispetto al Covid ed è deceduta a causa di un'altra patologia che l'aveva colpita da tempo. In casa di riposo a Morsano è morto il 56enne Francesco Serano di Latisana (Ud), anch'egli piegato da patologie pregresse.
Nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 12 casi di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari risultati contagiati all'interno delle stesse sono in totale 13. Sul fronte del Sistema sanitario regionale, da registrare nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di due tecnici, un amministrativo, tre infermieri, un assistente sociale e un operatore sociosanitario; nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un tecnico e tre infermieri; nell'Azienda sanitaria del Friuli Occidentale di tre infermieri e un operatore sociosanitario.
M.A.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA