Gabriele morto in Valpolicella, l'ultimo video: «Mi sono perso, chiedo scusa a tutti»

Domenica 1 Settembre 2019
15

VERONA - «Nel caso andasse tutto male, e faccio le corna, chiedo scusa a tutte le persone alle quali ho fatto del male, chiedo scusa a chi ho tradito». Gabriele Puccia, 27 anni, fisioterapista di Pegognaga (Mn) è stato ritrovato nella notte tra il 30 e il 31 agosto dal Soccorso Alpino di Verona  dopo alcune ore di ricerche tra i monti sopra la Valpolicella dov'era andato per un'escursione in solitaria.
 

 

GABRIELE PUCCIA, L'ULTIMO VIDEO SUI SOCIAL  - Il giovane che era in vacanza sul Garda, tra le 17 e le 18 di venerdì scorso, aveva pubblicato sui social un video in cui spiegava di essersi perso durante l'escursione. Parole che suonano agghiaccianti dopo il tragico epilogo: «Non ricordo dove ho parcheggiato la macchina, magari riesco a trovare la via del ritorno», dice l'ex arbitro di calcio mantovano. E spiega anche di non essere equipaggiato al meglio: «Mi presento a fare un’escursione con un paio di scarpe da ginnastica normali». Il video prosegue per qualche secondo, poi Gabriele saluta con una frase tragica e continua la sua marcia: «Nel caso andasse tutto male, e qua faccio le corna, chiedo scusa a tutte le persone alle quali ho fatto del male, chiedo scusa a chi ho tradito».
 
Il corpo di Gabriele è stato trovato alle 3 di notte sul greto del Rio Mondrago, dopo essere precipitato da un dirupo per circa 10  metri. Ad allertare il soccorso alpino è stata la sorella del ragazzo, che gli aveva consigliato l'escursione ed era rimasta in contatto WhatsApp con lui per tutto il giorno. Poi più nulla. Alle 22 è scattato l'allarme, di qui le ricerche e il ritrovamento dell'auto del giovane fisioterapista fresco di laurea a Brescia. 

Il giovane, che stava passando una settimana di vacanza sul Lago di Garda, era partito in mattinata per un'escursione da solo e aveva inviato alcune foto alla sorella con immagini dai sentieri percorsi. Quando i carabinieri hanno rintracciato la sua auto parcheggiata a Malga Biancari, 6 squadre si sono portate sul posto e hanno iniziato a perlustrare i vari itinerari della zona. Verso le 3 il rinvenimento in località Rio Mondrago, dove il ragazzo era scivolato fuori dal sentiero e caduto per una decina di metri, riportando traumi letali.  

Dopo che il medico del Soccorso alpino ne ha constatato il decesso, la salma è stata ricomposta e imbarellata. Tutti i soccorritori sono stati fatti convergere sul posto per poi trasportare la barella a spalla fino al ponte tibetano, dove è arrivata alle 5. Non appena è stato giorno, l'elicottero di Trento la ha recuperata con il verricello, per trasferirla a Malga Biancari e affidarla al carro funebre diretto all'ospedale di Borgo Roma.

Hanno preso parte alla ricerca anche i soccorritori della Stazione speleologica.
 

Ultimo aggiornamento: 2 Settembre, 10:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA