Mascherine all'aperto, l'obbligo può scattare da sabato 4 fino all'Epifania

Martedì 30 Novembre 2021
Federico Sboarina

VERONA - «Io non voglio chiedere ai miei concittadini sacrifici né imporre altri divieti, e l'uso della mascherina all'aperto è una misura di prudenza e di precauzione che ci permette di continuare a vivere senza altre limitazioni, oltre ovviamente al vaccino,  che è la strada maestra per combattere il virus». E potrebbe scattare da questo weekend l'obbligo di mascherina all'aperto su tutto il territorio comunale di Verona ha detto oggi - 30 novembre - il sindaco Federico Sboarina, che ha sottoposto al Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza pubblica il provvedimento, pronto ad essere firmato dal primo cittadino. Se non interverranno provvedimenti governativi vincolanti su tutto il territorio nazionale, l'ordinanza del Comune di Verona entrerà in vigore sabato 4 dicembre con validità fino a dopo l'Epifania. Il fitto calendario di eventi previsti in città nel corso di dicembre, infatti, alza il rischio di assembramenti.

Tra Mercatini di Natale in centro e nei quartieri (dove l'obbligo di mascherina è già in vigore), banchetti di Santa Lucia, pista di pattinaggio all'Arsenale, fiere e partite di calcio, diventerebbe difficile per veronesi e turisti mantenere il distanziamento all'aperto. Così come sapere quando indossare il dispositivo sanitario o meno nel caso di divieto legato solo ad alcune zone. Il provvedimento uniformerebbe quindi l'obbligo, in primis per mantenere alta la guardia in vista delle festività ma anche per rendere più semplici i controlli. «Indossare la mascherina ci protegge, specialmente quando non abbiamo la certezza di poter mantenere il distanziamento interpersonale. E con tutti gli eventi che si terranno a Verona nell'arco delle festività, il rischio di assembramenti è alto - ha detto il sindaco Sboarina ricordando che »lo scorso 12 novembre Verona è stata la prima città ad introdurre la mascherina all'aperto per l'accesso nelle tre piazze dei mercatini di Natale, ma adesso questo provvedimento non basta più a tutelare la salute dei cittadini con tutte le iniziative in arrivo. E del resto, nemmeno avrebbe senso un obbligo a macchia di leopardo».

«Vogliamo evitare che si generi confusione, così come di rivivere quanto successo l'anno scorso con divieti ben più pesanti. L'obiettivo è tutelarci e goderci le festività. Abbiamo sempre la mascherina appresso perché nei luoghi chiusi ci serve, tant'è che numerose persone già la portano d'abitudine anche all'aperto, a questo punto non ci costa niente indossarla e salvarci le feste di Natale» ha concluso.

Ultimo aggiornamento: 17:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA