Strage Grenfell, fatale l'indicazione di restare in casa: pompieri inglesi sotto accusa

Strage Grenfell, fatale l'indicazione di restare in casa: pompieri inglesi sotto accusa
Ombre sui pompieri inglesi per l'inferno di Grenfell Tower, il maxi incendio che nel 2017 devastò il grattacielo popolare londinese di 24 piani e in cui perirono 72 persone, fra i quali  i due giovani architetti veneti Gloria Trevisan e Marco Gottardi.

Non fu solo l'incuria nella manutenzione da parte della società di gestione, non solo le norme sulla sicurezza carenti o le colpe di amministratori e politici, non solo i pannelli infiammabili di poco prezzo collocati sulla facciata: a causare la strage - innescata dal rogo - contribuirono anche «gravi manchevolezze» del corpo dei vigili del fuoco, come conferma il primo rapporto stilato nell'ambito di un'inchiesta indipendente, ancora in corso, presieduta dal magistrato in pensione sir Martin Moore-Bick. Nel rapporto si riconosce «il coraggio» dei pompieri che intervennero ma si sottolineano, fra l'altro, le lentezze nella risposta del numero d'emergenza 999, gli errori e le decisioni discutibili prese durante l'operazione, la fatale indicazione 'stay put', ossia rimanete barricati negli appartamenti, rivelatasi micidiale specialmente per alcuni inquilini dei piani alti (come la coppia di architetti italiani), o l'insufficiente addestramento mostrato per una situazione così estrema. Tutti fattori che si ritiene abbiano portato a rendere quanto meno più pesante il bilancio dei morti.

Commentando le anticipazioni dei media, accusati apertamente di «insensibilità», Moore-Bick ha tenuto a precisare che le contestazioni (accolte non senza offesa da alti funzionari dei vigili del fuoco e semplici agenti) vanno pur sempre filtrate attraverso la consapevolezza delle «condizioni terrificanti affrontate da chi dovette entrare nell'edificio» in fiamme la notte del 14 giugno 2017. Il magistrato ha poi confermato che a innescare l'incendio, come da tempo ormai noto, fu un guasto elettrico al freezer in un appartamento al quarto piano. Guasto tecnico, ha puntualizzato sir Martin, avvenuto «senz'alcuna colpa» dell'inquilino di quell'abitazione, «ingiustamente accusato» all'inizio in alcune ricostruzioni.(AN
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 29 Ottobre 2019, 17:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strage Grenfell, fatale l'indicazione di restare in casa: pompieri inglesi sotto accusa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-10-30 07:10:07
In genere in questi casi esistono dei protocolli-linee guida su come gestire l'emergenza. Dato il tipo di costruzione e l'elevato numero di inquilini forse l'idea di lasciare libere le scale e di evitare ambienti comuni (corridoi e pianerottoli) gia' invasi dal fumo era sensata (non fosse altro per NON "distrarre" forze nella ricerca di vittime svenute in mezzo al fumo. Probabilmente chi ha gestito la situazione non ha tenuto conto dell'inferno di polistirolo che si e' scatenato. Polistirolo che bruciando emette fumi tossici. Scappare al buio per molti piani gia' invasi dal fumo non credo avrebbe garantito maggiori possibilita' di salvezza. C'e' anche da considerare la "disciplina" degli abitanti: vi immaginate gli abitanti di un palazzo italiano in fiamme che obbediscono all'ordine dei pompieri di chiudersi in casa ?
2019-10-29 19:59:21
Il cappotto costituito da pannelli di polistirolo contenente tutt' al più un ritardante di fiamma. In Russia il cappotto dev'essere esclusivamente in lana di roccia (e costa il doppio). Altri fabbricati sono stati vittima di incendio del cappotto che brucia in 15 minuti.
2019-10-29 17:57:15
….all'insegna del "cheap"....come moltissimi prodotti inglesi….ma ben venduti….!
2019-10-29 17:43:22
Il piu' delle volte la fuga e' la scelta migliore . Qui purtroppo sia le indicazioni che le reazioni hanno portato alla morte .
2019-10-29 17:40:10
... fare come schettino. scappare al primo allarme.. certo che se la casa brucia chiudersi dentro alla medesima e attendere la fine appare cosa alquanto " neroniana "..