Battello troppo pieno, passeggero lasciato a terra va a cercare il marinaio Actv e lo picchia davanti ai colleghi

L’azienda stigmatizza l’atteggiamento di politici e sindacalisti: «Facciamo il possibile»

Sabato 30 Aprile 2022 di Raffaella Vittadello
Battello troppo pieno, passeggero lasciato a terra va a cercare il marinaio Actv e lo picchia davanti ai colleghi
4

VENEZIA - Aggressione a un dipendente dell'Actv alle Fondamente Nove, nella saletta utilizzata dal personale per le soste: un marinaio è stato colpito al volto, ieri sera, 29 aprile, da un passeggero che ha scaricato in malo modo la sua rabbia per essere rimasto a terra a Murano, mezz'ora prima, perchè il battello era troppo pieno. E ha pensato di andare a punire quello che riteneva responsabile del suo ritardo, rintracciandolo sul posto di lavoro. Il giovane, preso alla sprovvista, è stato soccorso dai colleghi, che hanno faticato a placare il passeggero infuriato.

Si tratterebbe di un cliente abituale della linea, che conosce bene l'organizzazione dei turni del personale: al pontile di Murano Colonna, non sarebbe riuscito a salire sul mezzo strapieno e già lì sarebbero volate parole grosse. Imbarcato sulla corsa successiva, l'uomo si sarebbe fatto giustizia da sé.

E questo è l'ennesimo episodio di una serie di incidenti che in questi giorni hanno reso il clima arroventato: qualche giorno fa un diverbio tra una marinaia e una passeggera si era concluso con un paio di occhiali rotti. Tanto che Actv, in una nota, ieri ha stigmatizzato «l'atteggiamento di continua denigrazione ad opera di politici e sindacalisti che vuole far passare singoli episodi (tutti da verificare) come una situazione generale di caos e disorganizzazione con il solo obiettivo di mettere in cattiva luce l'azienda e l'amministrazione comunale nell'ambito della difficile trattativa sindacale e della più generale contesa politica».

Avm sottolinea che «code e attese sono connaturate a qualsiasi destinazione turistica soggetta a picchi di domanda inevitabili in un sistema complesso che vede forti concentrazioni in singole fasce orarie. Il contesto lagunare e le caratteristiche del trasporto pubblico rendono inevitabile, a fronte di tali picchi, la formazione di code che però si sono sempre dimostrate ordinate, gestite e con tempi di attesa limitati. Il servizio di trasporto pubblico è stato progressivamente potenziato e lo verrà ancora più con l'orario estivo»

 

Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 10:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci