Slavina si stacca a Sella Nevea e travolge scialpinisti: uno ferito grave

Slavina si stacca a Sella Nevea e travolge scialpinisti: uno ferito grave

di Paola Treppo

CHIUSAFORTE (Udine) - Una slavina si è staccata a Sella Nevea di Chiusaforte, in Alto Friuli, e un gruppo di 7 scialpinisti   è stato travolto, seppellito dalla neve. La zona interessata dalla slavina è quella del Funiforn, vicino al rifugio Gilberti. L'allarme è scattato intorno alle 11.45 con una chiamata di soccorso alla centrale operativa del 118. Degli scialpinisti  sei sono rimasti praticamente illesi, due sono stati travolti. E uno sarebbe gravissimo.

Le persone coinvolte sono  salite in autonomia per un percorso classico, ma fuori dalle piste da sci, chiuse per scarsità di neve. Passando sotto una zona rocciosa il gruppo è  stato investito dalla valanga.  Sul posto hanno operato le squadre di soccorso del 118, del soccorso alpino, del Sagf della Guardia di Finanza, della Protezione civile e dei vigili del fuoco, Polizia e Carabinieri. C'era molta nebbia e piove: condizioni che non permettono di far decollare gli elicotteri.

Con l'aiuto delle pale è stato  estratto uno dei due amici, 42 anni, che era rimasto  parzialmente sepolto dalla slavina e che ha riportato solo una sospetta frattura a un ginocchio. Il secondo escursionista, 41 anni, è stato individuato solo in seguito, più in basso, sommerso sotto quasi due metri e 20 centimetri di neve. Trovato in stato di incoscienza e grave ipotermia è stato a lungo rianimato dai soccorritori, giunti sul posto via terra.

Al momento del distacco della slavina, in zona, si trovavano anche altri due scialpinisti marchigiani che sono riusciti a tornare autonomamente al rifugio Gilberti.


IL PERICOLO VALANGHE ERA "MARCATO"
Era stato aggravato a "marcato" (grado 3 su una scala di 5) proprio sul monte Canin il pericolo di distacco di valanghe, nell'ultimo Bollettino rilasciato dalla Protezione civile e dal Corpo forestale regionale del Friuli Venezia Giulia. Nuove nevicate si sono verificate dal pomeriggio-sera sopra i 700-900 metri, con 5-15 centimetri di neve nuova, venti da Sud che in giornata gireranno da Nordest. Nell'area del Canin, sopra i 1.800 metri, soprattutto a Nord, è stato previsto «possibile il distacco provocato di lastroni soffici localmente anche con debole sovraccarico», anche di medie dimensioni. 





La zona innevata del Rifugio Gilberti a Sella Nevea
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 4 Febbraio 2017, 12:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Slavina si stacca a Sella Nevea e travolge scialpinisti: uno ferito grave
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-02-05 11:38:05
Che interessante: non è passato il mio commento sul titolo dell'articolo, ma il titolo è cambiato! ;-)
2017-02-05 08:23:49
Non trovo giusto rischiare la vita di altre persone per salvare incoscienti.
2017-02-04 19:30:54
lapasoa, e sei fortunato che oggi gli statali non sono al lavoro. hai mai notato quanti commenti in meno dal sabato mezzogiorno al lunedi mattina? e le mancanze più evidenti sono quelle dei marioni fiorai francesi e tedeschi.
2017-02-04 19:30:08
Leggo dal primo titolo :- "uno estratto vivo, un altro ferito, sei miracolati" .- Non ho capito bene se il ferito è estratto vivo o morto. Miracolati perchè non sono stati investiti dalla valanga? Allora sono anch'io miracolato .-
2017-02-04 16:40:15
Incredibile come ci siano pollici verso ovvero convinti che questi cosiddetti sciatori abbiano agito bene e con buon senso. Mamma mia aiutami.