E' morto Augusto Salvador, il sindacalista che inventava cose nuove

PER APPROFONDIRE: augusto salvador, morto
Augusto Salvador
UDINE - Lutto nel mondo del sindacato friulano. Dopo una lunga malattia, è morto questa mattina nella sua casa di Torviscosa  Augusto Salvador, segretario della Femca Cisl per il territorio di Udine e della Bassa friulana. Originario di Vittorio Veneto, nato nel 1961, Salvador aveva iniziato la sua attività sindacale negli anni Novanta, occupandosi dell'Aussapol del gruppo Radici. Dopo quattro mesi, era stato «promosso» alla guida della categoria, che allora non comprendeva ancora i tessili, ma solo i chimici.

«Uomo e sindacalista appassionato - si legge in una nota della Cisl Fvg -, aveva una fede incrollabile nelle nuove tecnologie e nell'innovazione, e credeva fermamente nella possibilità che l'industria potesse convivere con la sostenibilità. Il suo cuore, in particolare, batteva per il polo chimico di Torviscosa», che Salvador immaginava quale «polo di attrazione e ricerca internazionali, coinvolgendo anche le università di Lubiana e Belgrado, sull'esempio di Ludwigshaffen». La chimica era il suo «pallino», prosegue la nota della Cisl Fvg, «tanto che a lui si deve la costituzione dell'Osservatorio provinciale della chimica».

Tra le tante sue battaglie, quella per Safilo (stabilimento di Martignacco, Udine), che Salvador portò avanti soprattutto per quanto riguarda la ricollocazione del personale (su 880 esuberi, 545 persone). «Era a suo modo un visionario - conclude la nota della Cisl Fvg -, capace di inventare cose nuove, strumenti inediti a tutela dei lavoratori. Se ne va un pezzo importante della nostra storia». I funerali si terranno il 16 novembre alle ore 15 a Torviscosa. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 14 Novembre 2018, 14:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
E' morto Augusto Salvador, il sindacalista che inventava cose nuove
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-11-14 18:20:34
buoni proposito, ma poi...