Coronavirus, ragazzo 17enne di Grado bloccato a Wuhan: la Cina autorizza il volo di rimpatrio

Giovedì 13 Febbraio 2020
Coronavirus, ragazzo 17enne di Grado bloccato a Wuhan: la Cina autorizza il volo di rimpatrio

Coronavirus, ragazzo di 17 anni di Grado bloccato in Cina: finalmente Niccolò potrà tornare a casa. Il volo speciale che riporterà in Italia Niccolò, lo studente italiano 17enne rimasto bloccato a Wuhan, città focolaio dell'epidemia di coronavirus, dovrebbe partire domani dall'Italia alla volta della Cina e rientrare sabato. Lo si apprende da fonti della Farnesina.
 

Coronavirus, come difendersi. Decalogo Ulss a locali pubblici e negozi

VENEZIA - Più che le mascherine sul viso, che alimentano la paura nei confronti dei turisti dall'Estremo Oriente, per limitare al massimo la diffusione del coronavirus bastano semplici accorgimenti. Un virus, lo ricordiamo, che nonostante lo stato di allerta non è al momento un'emergenza in Italia."Un panno disinfettante fa piazza pulita di eventuali virus.


La sorte del ragazzo è stata in bilico con continui tira e molla nelle ultime settimane. Bloccato una prima volta, risultato negativo al test del coronavirus, convinto di ripartire e poi fermato di nuovo perché febbricitante: una situazione esasperante. L'operazione, come quelle precedenti, è coordinata dall'Unità di Crisi della Farnesina in stretto raccordo con i ministeri della Difesa e della Salute e con il contributo della Protezione Civile. 
Le autorità cinesi hanno infine autorizzato il volo speciale dell'Italia.
 

Coronavirus, le ultime notizie sul contagio

Giovane da Hong Kong con la febbre: allarme coronavirus al Marco Polo
Musicisti veneti bloccati fino ad aprile: «E poi in quarantena»
Coronavirus, lo United mette Ighalo in isolamento
Dimessi 20 turisti cinesi dallo Spallanzani: rifiutati da taxi e hotel. I morti nel mondo salgono a 1.310

 

Perche' il ragazzo di Grado era bloccato in Cina

Il diciassettenne di Grado, in Cina per un viaggio studio, non era riuscito a salire, a causa della febbre, sul volo dell’Aeronautica militare che aveva riportato in patria i primi 56 italiani lunedì 3 febbraio e nemmeno sul secondo collegamento aereo che, tramite un ponte con l’Inghilterra, domenica aveva ricondotto “a casa” altri 8 connazionali. Poi, a fare slittare ulteriormente i tempi del suo ritorno (Niccolò questa volta partirà anche se avrà ancora la temperatura alta visto che è risultato negativo al nuovo Covid-19) è stata la mancanza di slot liberi per l’atterraggio del KC-767 della Difesa nell’aeroporto cinese, unica porta aperta di Wuhan con il mondo. Il ragazzo se non avrà la febbre, una volta, in Italia, dovrà comunque affrontare un periodo di isolamento al Celio; altrimenti verrà ricoverato direttamente all’istituto di Malattie infettive Spallanzani. Le sue condizioni, tuttavia, stanno migliorando e il passare del tempo dovrebbe contribuire a fare andare via la febbre.

 

Bloccata a Wuhan, studentessa cinese discute la tesi di laurea via Skype

PADOVA - Bloccata a Wuhan a causa del coronavirus , Wenfang Cao, 28 anni studentessa dell'università di Padova, non è potuta tornare in Italia, così la commissione ha stabilito un ponte video con la Cina e via skype è stato possibile discutere la tesi di dottorato, che è stato superato brillantemente.


 

Ultimo aggiornamento: 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci