Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Liliana svanita nel nulla dal 14 dicembre, il marito: «Sono distrutto, ma ho fiducia nella polizia e nella magistratura»

Lunedì 3 Gennaio 2022
Liliana Resinovich e il marito Sebastiano Visintin
3

TRIESTE - «Sono distrutto. Ho un dolore molto forte per la mancanza di una persona con cui stavo vivendo momenti felici, ma ho molto fiducia nella polizia e nella magistratura». Ad affermarlo è Sebastiano Visintin, 72 anni, marito di Liliana Resinovich, 63 anni, pensionata, scomparsa dalla sua abitazione a Trieste il 14 dicembre. «Sono convinto - è il suo appello - che le risposte su quanto accaduto quel giorno verranno fuori dall'analisi dei due telefonini di Liliana», che sono stati ritrovati in casa. Negli ultimi giorni sono circolate diverse indiscrezioni sulla vita della donna. «Giorno per giorno - ricorda Visintin - escono notizie di persone che hanno visto mia moglie o che si incontrano con mia moglie a mia insaputa da mesi». Tra cui ad esempio anche quella di un uomo di oltre 80 anni «che dice che ogni martedì Liliana va a sistemare casa sua e che gli ha detto che vuole lasciarmi»: «mi è caduto il mondo addosso, sono affermazioni che ho difficoltà a capire e su cui chi le fa dovrà rispondere in futuro».

Le indagini

Al momento, precisa, «non ci sono indagati e io non ho intenzione di prendere un avvocato. Sono tranquillo» e «voglio che vengano verificati i miei movimenti di quel giorno». Visintin spera che la moglie «possa tornare a casa ma - ammette - sono spaventato». «Non posso dire che mia moglie era depressa, non mi è sembrato», aggiunge Visintin. E da casa, sottolinea, «non mancano vestiti». «È stata trovata anche la sua borsa». Il marito ribadisce di «non aver mai litigato» con Liliana, con la quale si è sposato nel 2005, e «di non trovare risposte su quanto è successo». «Stavamo progettando di andare in Brasile in vacanza, Covid permettendo», afferma ricordando come «stavamo vivendo momenti felici». «Mi dispiace che non ho più energia - conclude - ma ho voglia di lottare. Voglio difendere il mio onore e l'onore di Lilly». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci