Merotto Space e progetto museale nel cuore della "zona Unesco"

PER APPROFONDIRE: colline, merotto, prosecco, unesco,, veneto, vino
Merotto Space e progetto museale nel cuore della "zona Unesco"

di Gigi Bignotti

Interprete e maestro del "vero" Prosecco ha fatto del vino la propria ragione di vita: Graziano Merotto è uno di quei vignaioli che non ha paura di sporcarsi le mani. Da oltre 40 anni lavora nelle sue vigne seguendo la migliore tradizione enoica di questa zona "promossa" dall'Unesco e valorizzando i suoi prodotti con un unico grande obiettivo: la qualità del prodotto finale. 

L'epopea aziendale dei Merotto parte da nonno Agostino che agli inizi del '900  inizia a coltivare la terra proprio lì, alle porte di Col San Martino,  con una passione che riesce subito a trasmettere a quel nipote grande e grosso che va a studiare alla Scuola Enologica di Conegliano (
«con grandi maestri come Tullio De Rosa» ricorda Graziano) e che, nel marzo del 1972, gli permette di fondare una sua cantina iniziando a produrre vino Sur Lie da uve Glera. Pochi anni dopo fa il grande salto diventando vera e propria impresa vinicola «con l'acquisto di macchinari in Francia che mi costarono una fortuna, ma di cui adesso vado fiero» dice mostrando le prime "macchine" per imbottigliare il prosecco, conservate come preziosi cimeli in un'area esterna del nuovo Merotto Space (presentato il 6 e 7 settembre scorsi) che nei progetti dell'azienda vorrebbe diventare un piccolo museo del Prosecco Superiore.

 L’Olchera è il primo vigneto di proprietà dei Merotto che nel 1973 decidono l’acquisto dell’appezzamento Particella 86. La prima autoclave entra in azienda a fine anni  ‘70 e da quel momento Graziano inizia a sperimentare il metodo Martinotti-Charmat sotto la guida dell’enologo-poeta Piero Berton (oggi invece è Mark Merottto, omonimo e non parente del patron) che così lo descrive: “Graziano opera con tenacia nella sua terra. Ha intuito, concretezza e amore per il suo lavoro. Ha voluto una casa per il vino. È diventato adulto, lavora intensamente, conosce il Prosecco. Graziano vuole rimanere modesto, semplice, aperto, sensibile. Suggerisce la sobrietà, virtù sovrana per rapire ai suoi calici arte e sorriso”.
All’inizio degli anni ’90 nasce La Primavera di Barbara, un Prosecco di alta qualità che Graziano decide di progettare sin dalla selezione del vigneto, scelta al tempo poco frequente. Gli attribuisce il nome della figlia, Barbara, dedicandole una bottiglia ideata e realizzata su misura per l’azienda.

IL MEROTTO SPACE - Leggi cliccando qui


Una dedizione a questa terra confermata da numerosi riconoscimenti, primo fra tutti il Tre Bicchieri, all’epoca una vera rarità nell’area del Prosecco, assegnato dal Gambero Rosso ininterrottamente a partire dal millesimo 2010.

Oggi i  vigneti di Graziano Merotto si estendono  tra Col San Martino,  Farra di Soligo e Collalto e la sua gamma di prodotti è di assoluta qualità (conta anche un Brut rosè "Grani di nero" e il Cartize Superiore). E se questa terra è patrimonio dell'Unesco una parte del merito va anche a lui e ai veri vignaioli come lui.

Prosit. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Settembre 2019, 18:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Merotto Space e progetto museale nel cuore della "zona Unesco"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti