Covid in Veneto, il bollettino di oggi: 262 nuovi casi nella notte. Salgono pazienti ricoverati e in terapia intensiva

Domenica 11 Ottobre 2020 di Redazione Web
Covid in Veneto, il bollettino di oggi: 262 nuovi infetti nella notte
2

Covid Veneto, diretta contagi e vittime: il bollettino di oggi, domenica 11 ottobre 2020. Sono 422 i nuovi infetti da Coronavirus nelle ultime 24 ore secondo il report delle 17 della Regione: 160 casi nella giornata dopo i 362 della notte.

 

Il maggior numero di contagi a Treviso 94, Vicenza con 90 casi, seguono Padova , Belluno con 31, Venezia, Verona e Rovigo con 5 (era 1 solo ieri). Ancora zero contagi a Vo', per Padovano.

Sono 11.411 i cittadini attualmente in isolamento fiduciario.

 

IL BOLLETTINO INTEGRALE - SCARICA IL PDF

 

 

I dati nelle 24 ore

Prosegue il trend di forte crescita dei nuovi positivi in Veneto, che anche oggi, considerando i dati nelle 24 ore, registra un boom di contagi per un dato complessivo di 31.663  dall'inizio dell'emergenza. Ci sono anche due vittime, che portano il numero totale dei morti a 2.218. Le persone attualmente positive nella regione sono 6.176, quelle in isolamento domiciliare sono però in calo, 11.411 (-214), delle quali 3.413 positive.

 

Salgono invece anche se di poco i ricoverati nei normali reparti ospedalieri, 331 (+6), e anche quelli in terapia intensiva, 32 (+3). 

 

LA POLEMICA Crisanti all'attacco: «Zaia venditore di fumo, i tamponi "fai da te" sono una buffonata»

IL GOVERNATORE Luca Zaia in diretta oggi: «C'è un abbassamento della guardia irresponsabile. Già pronti per partire con i test di autodiagnosi. Svizzera? Forse dovremmo chiudere noi le frontiere»

 

 

 

LE IPOTESI Covid, i tre scenari del Cts: così scatteranno i blocchi fino al lockdown totale

 

Coronavirus, il dottor Rigoli: "Stabilire una soglia di carica virale, al di sotto si viene considerati negativi al Covid"

TREVISO - "Le persone positive al coronavirus con una carica virale molto bassa dovrebbero essere considerate negative. Il nodo è già stato condiviso da molti microbiologi. Auspichiamo che il ministero della Salute e l'Istituto superiore di sanità prendano posizione quanto prima, indicando una soglia sotto la quale inserire le persone tra i negativi, senza più bisogno di far scattare isolamenti, quarantene di 14 giorni e tamponi per tutti i contatti stretti".

Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 14:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA