Ex Zanussi di Conegliano, residenti sul piede di guerra: «I giovani entrano ed escono, urlano e non si riesce a dormire»

Giovedì 4 Agosto 2022 di Pio Dal Cin
L'ex area Zanussi di Conegliano venduta all'asta a Grigolin. I residenti stanchi degli schiamazzi dei giovani

CONEGLIANO - «Non ho dormito per tutta la notte a causa delle urla e degli schiamazzi che arrivavano dalla vicina area ex Zanussi. Ho chiamato i carabinieri che mi hanno detto di essere a conoscenza della situazione. L'indomani ho chiamato anche in municipio, stessa cosa. A quanto pare tutti sanno quello che accade ma sembra che nessuno si muova per fare qualcosa di concreto. Non si può continuare cosi. I ragazzi entrano e escono come e quando vogliono, urlano, ridono, fanno schiamazzi per tutta la notte e noi non viviamo più tranquilli. C'è un senso di insicurezza». A parlare è una professoressa in pensione, C.B., che abita nella zona di Setteborghi, a pochi passi dal supermercato Eats e sfoga così la sua preoccupazione. Martedì sera è stata svegliata assieme a tutta la famiglia da grida e schiamazzi che sono continuati per ore, impedendole di dormire e turbando la tranquillità del quartiere. «Mi sono confrontata con altri condomini il giorno successivo e anche loro hanno condiviso le mie paure e considerazioni; non si può continuare così. Ho contattato anche alcune persone in municipio ma senza risposte. È come se avessero allargato le braccia dicendo Sappiamo che esiste il problema, ma cosa possiamo fare?»


LA PREOCCUPAZIONE

La figlia della professoressa ha registrato un audio dove si sentono chiaramente le urla dei giovani che hanno svegliato il quartiere: «Ho paura ad uscire di casa la sera. Se devo andare in stazione debbo per forza costeggiare l'area. A metà strada tra la prima e la seconda rotonda di via Cesare Battisti, c'e' un'apertura, una porta ricavata da un pannello di latta da dove la gente entra ed esce quando vuole. Forse sarebbe il caso di rinforzarla o provvedere in qualche modo a dissuadere i giovani ad entrare». Torna ad essere in primo piano quindi il tema sicurezza, tanto caro ai coneglianesi che non si sentono nel frequentare alcune le vie cittadine specialmente di notte e alcune zone specifiche come il Biscione e le zone attigue.


LA SVOLTA
La recente acquisizione da parte del gruppo Grigolin porterà in futuro dei cambiamenti nell'area ex Zanussi, ma ci vorranno degli anni prima che qualche intervento prenda forma. Il comandante della polizia locale, Claudio Mallamace ha fatto più volte sapere che nonostante possa esserci la percezione di insicurezza in città per gli episodi che si sono verificati nei mesi scorsi, dati alla mano, Conegliano risulta essere una delle città della provincia tra le più sicure e tutti gli episodi critici sono stati risolti dalle forze dell'ordine che continuano a svolgere, nel limite di un organico limitato, un buon lavoro di vigilanza e di attenzione a contrastare il fenomeno. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci