Morta Sara Anzanello: la campionessa di volley aveva 38 anni. Stroncata dalla leucemia in pochi mesi

PER APPROFONDIRE: morta, pallavolo, sara anzanello, treviso
Morta la campionessa di volley Sara Anzanello: aveva 38 anni. Stroncata dal male in pochi mesi
E' morta l'ex pallavolista veneta Sara Anzanello. Un lutto che priva il volley di un'atleta che ha contribuito a scrivere pagine importanti della storia della Nazionale Femminile italiana. La giocatrice di Ponte di Piave aveva 38 anni. Negli anni passati Sara nel 2013 aveva subito un trapianto di fegato dopo una gravissima forma di epatite contratta in Azerbaigian, era stata in bilico tra la vita e la morte, poi aveva affrontato una lunga e faticosa riabilitazione. Dopo mesi molto complicati e vincendo una difficile battaglia, Sara si era ristabilita e con grande determinazione era anche riuscita a tornare in campo, ma la scorsa estate si era manifestata una forma di leucemia che l'ha stroncata in breve tempo, nonostante la campionessa non si fosse mai arresa e avesse affrontato in ospedale a Milano i cicli di chemioterapia. In questo stesso ospedale, nella città dove Sara viveva con il fidanzato, oggi è spirata.

GLI ULTIMI POST «Lottiamo insieme per vivere»

LA CARRIERA E LA MALATTIA, POI LA RINASCITA
Sara Anzanello era nata il 30 luglio del 1980 a Ponte di Piave (Treviso), ha ricoperto il ruolo di centrale.  aveva iniziato la sua carriera nelle giovanili del Volley Salgareda e nella stagione 1995-96 fece il suo esordio nel mondo del volley professionistico in serie A2 con il Volley Latisana.Nel 1998 vinse la medaglia d'oro al campionato europeo con la nazionale italiana Under-19 e nello stesso anno fece il suo esordio nella nazionale maggiore. Con 278 presenze nella nazionale maggiore ha vinto l'Oro ai Mondiali (2002); n° 2 Coppe del Mondo (2007, 2011); n° 2 Argenti al World Grand Prix (2004, 2005), n° 1 Argento agli Europei (2005); n° 2 Bronzi al World Grand Prix (2006, 2008); e come premio personale n° 1 "Miglior Muro" al World Grand Prix (2006). Nella stagione 2011-12 viene ingaggiata dall'Azərreyl Voleybol Klubu, col quale gioca fino al 14 marzo 2013: qui inizia il calvario di Sara, viene ricoverata a Milano per un trapianto di fegato urgente. La riabilitazione, faticosissima, e poi la rinascita, anche come giocatrice: Sara era tornata sottorete in serie B1 con l’Agil Novara. «Sono la persona più felice della terra», aveva raccontato Anzanello al momento dell'annuncio del ritorno all'agonismo con la squadra B1. «Questi ultimi 30 mesi per me non sono stati semplici - aveva spiegato - sono partita dalle piccole conquiste quotidiane come mangiare e camminare. Ora riesco anche a fare pesi e provo a giocare». E nel 2016 la campionessa risiedeva a Jesolo e iniziava, ancora una volta, una nuova avventura. Il suo era stato infatti il nome di spicco nello staff tecnico scelto dal Comitato veneziano della Fipav in vista del “Trofeo delle Province-Kinderiadi” 2017.



IL CORDOGLIO
«È una notizia davvero sconvolgente».
Questo il primo commento del Presidente della federvoley, Pietro Bruno Cattaneo sulla scomparsa di Sara Anzanello. «Sara era una ragazza davvero speciale che sembrava essere riuscita a vincere la sua personalissima battaglia; ma purtroppo le cose non sono andate come noi tutti speravamo. Oltre che essere stata un'atleta di primissimo livello, era una persona eccezionale. Anche lei faceva parte della nostra famiglia dato che apparteneva a quella generazione di ragazze che hanno fatto parte del Club Italia e non a caso la Fipav la volle nuovamente con sé qualche anno fa. A nome di tutta la Federazione voglio mandare ai suoi cari e alla sua famiglia un sincero abbraccio e le più sentite condoglianze», ha aggiunto Cattaneo. 


«È un giorno davvero triste per lo sport veneto e nazionale: l’addio a Sara è dolorosissimo innanzi tutto per i suoi familiari e per le persone a lei più vicine, ma la prematura scomparsa di questa atleta brava e forte colpisce tutti noi. Come comunità trevigiana ci stringiamo nel ricordo commosso a questa donna straordinaria, costretta a un calvario sanitario affrontato con il coraggio e la testardaggine che aveva dimostrato nei campi di gioco», ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia«Esprimo ai familiari e agli amici – conclude Zaia – il più profondo cordoglio a nome dell’intera Regione. Sara sia di esempio per i giovani nello sport e nella vita».

«Ho appreso con profondo dolore della morte della campionessa di pallavolo Sara Anzanello. Ci ha lasciato troppo presto». Così Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo sport che ricorda: «La conoscevo personalmente da molti anni e l'ho ammirata per i risultati che ha raggiunto nello sport e negli ultimi tempi per il coraggio con cui ha lottato contro la malattia. La ricorderò sempre, oltre che per il suo talento, per la sua semplicità e il suo carattere forte ma mai arrogante. Alla sua famiglia va la mia vicinanza e le più sentite condoglianze».

Addio a Sara Anzanello, il dolore di Federazione e Lega

 
 

IL SALUTO COMMOSSO DELL'AIDO
Cordoglio per la morte di Sara Anzanello La presidente nazionale Aido (Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule) Flavia Petrin, la presidente del Veneto Bertilla Troietto, il presidente provinciale di Venezia Francesco Lorenzon piangono commossi la prematura scomparsa della pallavolista Sara Anzanello, a lungo testimonial nazionale dell'associazione. «Una donna speciale - dichiarano i dirigenti di Aido - che nonostante i problemi di salute patiti non ha mai perso il sorriso, il coraggio e la determinazione. Qualità che metteva in campo, nelle partite, nella quotidianità e che ha sempre mostrato nel suo impegno come testimonial dell'associazione per la promozione della cultura del dono, in giro per tutta italia. La ricorderemo come una campionessa nello sport, ma soprattutto nella vita, con cui abbiamo fatto un tratto di strada molto importante». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 25 Ottobre 2018, 17:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morta Sara Anzanello: la campionessa di volley aveva 38 anni. Stroncata dalla leucemia in pochi mesi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-10-25 23:57:14
Povera ragazza...
2018-10-25 23:27:18
Addio Sara, vivrai ora nei cuori di chi ti ha amato.
2018-10-25 21:03:18
Era scritto nel suo destino che doveva comunque morire giovane. Allo stesso modo e' scritto nel destino di altri che devono morire vecchi, anche se magari si strapazzano nella loro vita.... contro il destino non si può fare nulla!
2018-10-25 20:49:31
Povera. Era riuscita quasi a farcela. RIP
2018-10-25 20:35:45
Cosi' VaNNo Le COSE...., CHi ToCCa LeVa ( Diceva MiA Madre ), CHE iL SiGNORE L' aBBia coN Se' R+I+P+ .