Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Parcheggia l'auto al centro commerciale e quando torna è senza marmitta

Sabato 7 Maggio 2022 di Anna Nani
Parcheggia l'auto al centro commerciale e quando torna è senza marmitta

ADRIA - La banda della marmitta colpisce ancora. A farne le spese questa volta è una signora di Ariano nel Polesine che dopo essere andata a fare la spesa al centro commerciale il Porto di Adria, all'uscita, ha scoperto che le avevano rubato il catalizzatore dall'automobile. «Verso le 18 mia moglie ha lasciato l'auto nel parcheggio libero del Porto racconta il marito -. All'uscita poco prima delle 20 appena accesa l'automobile si è accorta di un rumore di una macchina priva di marmitta. Mi ha chiamato e son andato a controllare. Speravo fosse un guasto, ma avevo già un dubbio che poi si è rivelato fondato: le avevano rubato il catalizzatore».


I PRECEDENTI
Un dubbio che l'uomo spiega essergli sorto perché un po' di tempo fa mentre stava armeggiando nel cofano dell'auto, sempre nel medesimo parcheggio ,un signore gli si è avvicinato chiedendogli se gli avessero rubato la marmitta come era capitato a lui. Non solo come ricorda: «Il meccanico mi ha detto che il ricambista di Adria gli ha riferito che ultimamente gli sono capitati almeno altri 6 casi di furti simili e nello stesso posto. Vista la facilità con cui si smonta questo pezzo, non vorrei che si segnassero le targhe e rivedendo la stessa auto parcheggiata colpissero nuovamente dato che sanno già che lì c'è un catalizzatore nuovo di zecca».
Eventi simili nelle scorse settimane erano già accaduti nel parcheggio dei dipendenti dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo dove a farne le spese erano state una decina di auto in sosta del personale sanitario. La tecnica usata è sempre la stessa: un furgoncino viene affiancato alle auto così da nascondere l'operazione. La macchina viene alzata e in un poco tempo il gioco è fatto: via il catalizzatore e il furgoncino se ne va. Lasciando il conto da pagare alla vittima.

 

Ultimo aggiornamento: 13:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci