Il dolce più amato e la quinta parola italiana più nota all'estero

PER APPROFONDIRE: beccherie, tiramisù, tiramisù day
Il dolce più amato e la quinta parola italiana più nota all'estero
TREVISO - Si festeggia il 21 marzo il Tiramisù day, la giornata creata in onore del dolce più amato dagli italiani e non solo. Tanto che l’Accademia Italiana della Crusca ha certificato che la parola tiramisù è ormai presente come “italianismo gastronomico” in ben 23 lingue diverse, con la parola tiramisù che è la quinta italiana più conosciuta all’estero. Mentre in Italia, secondo Google Trends, il tiramisù è stata la seconda ricetta più cercata nel 2018.

Le origini
La paternità del tiramisù appartiene alla città di Treviso dove la creazione del dolce e la sua denominazione Tiramisù avvenne verso la fine degli anni 60 presso il ristorante “Le Beccherie” da parte del pasticciere Roberto “Loly” Linguanotto. Comunque l’origine del dessert è “povera”. Viene dalla colazione contadina, quando le mamme sbattevano il tuorlo d’uovo con lo zucchero, ci inzuppavano i savoiardi e li davano ai bambini con una tazza di caffellatte. I primi tiramisù non prevedevano l’aggiunta del mascarpone. Ma la pateernità trevigiana del Tiramisù viene contestata dal Friuli Venezia Giulia, che ne indica le origini nel ristorante Roma a Tolmezzo, in Carnia, negli anni Cinquanta, con la denominazione "Tirime Su".

Gli aneddoti
Il tiramisù ha conquistato anche lo spazio Un successo addirittura spaziale, se si considera che tra gli aneddoti legati al tiramisù c’è anche la particolare richiesta che l’astronauta italiano Luca Parmitano ha fatto nel 2013, ovvero un menù speciale per la sua permanenza in orbita con la navicella russa Sojuz TMA¬09M dell’Esa, l’Agenzia Spaziale Europea. Ad accontentarlo è stato lo chef torinese Davide Scabin, del ristorante Combal.Zero, con un tiramisù disidratato messo in busta dalla Argotec.

Al cinema
Anche il cinema non è rimasto immune al fascino del tiramisù: a farlo conoscere negli USA è stato Sleepless, mentre in Italia Fabio De Luigi ha diretto un film dall’omonimo nome Nel 1993 a far conoscere il tiramisù negli Usa fu il film Sleepless in Seattle (in Italia Insonnia d’amore), con Tom Hanks e Meg Ryan. Un amico di Hanks, nella pellicola vedovo inconsolabile, gli dice una parola magica in italiano: “tiramisù”, per consigliarlo a rifarsi una vita. Tiramisù è una commedia del 2016 diretta e interpretata da Fabio De Luigi, rappresentante di prodotti farmaceutici che gira con poco successo ed entusiasmo gli studi dei medici della mutua, cercando ogni giorno di vendere i suoi prodotti. Fortuna che arriva quando un giorno Antonio dimentica in uno studio un tiramisù fatto dalla moglie Aurora, per sbaglio assaggiato da un medico, che svolterà la sua vita.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Marzo 2019, 15:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il dolce più amato e la quinta parola italiana più nota all'estero
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-03-22 23:25:34
La quinta parola italiana più diffusa dopo mafia, pizza e mandolino. La quarta sarà per caso bunga-bunga?
2019-03-22 07:11:58
La gran parte del lavoro, tranne lo zabaione, e'assemblaggio puro di ingredienti pronti..una specie di Lego...non smontabile ma mordibile, masticabile e digeribile.
2019-03-21 18:56:51
E' friulano......i soliti veneti arraffoni.
2019-03-22 10:12:18
più che friulano della venezia giulia. Pieris per la precisione, la ricetta originale prevedeva il pan di spagna e la panna visto che il mascarpone non era allora disponile. Sulla paternità veneta mi vedo dissentire così come per il Prosecco, dove il vitigno originale nasce alle porte di Trieste, da cui anche la omonima frazione.
2019-03-21 18:14:35
tutto vererrimo, e si può fare anche coi savoiardi, viene buono uguale.